Lei è Diana Bermúdez, la nuova “dea” dell’Universo Marvel, ed è di Cali

Diana Bermúdez di Cali ha fatto il suo debutto nell’universo dei Marvel Studios, nella serie Moon Knight, sul canale Disney+, dove oltre a interpretare l’avatar della dea egizia Hathor, è Yatzil, originaria dell’America Latina.

“Sebbene Yatzil e Hathor condividano qualità simili, è importante notare che sono due personaggi diversi e la dea usa il suo avatar umano Yatzil per osservare ciò che sta accadendo nel mondo e incanalare i suoi poteri quando ne ha bisogno”, ha spiegato l’attrice. , che vive a Londra e che recita nei teatri, in Utvandrarna, Rambo: The Last Mission, Yesterday, Frida Kahlo 2020, così come nelle serie televisive Doctors, Triangle e Silent Witness, tra gli altri.

La tua partecipazione all’universo Marvel, in questa serie di Moon Knight, è stata un sogno diventato realtà?

Debuttare nell’universo Marvel è un sogno diventato realtà. Amo questo personaggio. È molto sicura di sé e piena di amore, cerca sempre di vedere il buono nelle persone ed entra in empatia con gli altri. Yatzil fa parte degli avatar del console che si radunano da tutto il mondo quando il dio Khonshu si comporta male. Mi piace interpretare una donna attraente e dotata di potere. Alla Marvel, erano molto ricettivi alle mie idee.

Leggi qui: Preparati: il Cali International Puppet Festival inizia oggi

Qual è il tuo contributo più significativo a quel personaggio?

Quando ho chiesto di cambiare il mio personaggio nell’originale, hanno acconsentito felicemente e mi hanno chiesto suggerimenti sui nomi. Ne ho offerti alcuni dalle culture Embera, Inca e Maya, e alla fine hanno scelto quella Maya: Yatzil, che significa “amante”, appropriato per l’avatar della dea dell’amore.

Nella tua biografia dici di avere un’eredità indiana d’America, questi antenati provenivano dalla tua linea materna o paterna e da quale comunità erano?

Le mie radici tradizionali provengono da entrambi i lati, anche se conosco l’etnia solo dalla mia linea materna. Negli ultimi anni ho scoperto che la mia bisnonna materna era membro della comunità Embera Chamí di Risaralda. Sfortunatamente, la riserva è stata sciolta nel 20° secolo e la comunità è diventata rapidamente ispanica.

Diana Bermúdez, nella serie Disney+ Moon Knight. Ha famiglia a Cali, Medellín, Caquetá e Pereira. Ha una relazione con il suo partner da 9 anni.

In esclusiva per El País


Perché sai della sua origine fino a poco tempo fa?

Essendo nativa e ancora considerata una disgrazia, la mia bisnonna non ha mai detto a sua figlia della sua eredità, diverse nipoti lo hanno appreso da lei e recentemente hanno condiviso queste informazioni. È importante rendersi conto che non solo la mia eredità è genuina, ma anche la mia razza, a volte dimentichiamo che il nostro continente è dominato da un misto di indigeni, africani ed europei. Sebbene la maggior parte del continente sia diventata ispanica e identificata come meticcia, questo non ha cancellato la nostra razza.

Ha lavorato con Natalie Portman, Sylvester Stallone presso Rambo, Ethan Hawke e Oscar Isaac. “È così stimolante vederli sullo schermo, quindi lavorare con loro è stato fantastico”, ha detto Diana, che lo è stata
una sorella in Spagna.

Qual è la percezione a Londra della tua etnia?

In Inghilterra non sembro mai bianco. Un altro colombiano mi ha detto “Non sembri colombiano, sembri più peruviano o ecuadoriano perché sembri così indiano”. Quando ho iniziato a recitare, anche loro non mi accettavano come colombiana o latina, dicevano che non somigliavo a Shakira o Sofia Vergara. Ho studiato le mie radici e ho capito che i miei lineamenti e il tono della mia pelle provenivano dai miei veri antenati. E sono sulla buona strada per riconnettermi con la mia eredità.

Diana Bermudez

Diane Bermudez.

In esclusiva per El País

La tua etnia è un vantaggio o uno svantaggio nell’ottenere ruoli in serie e film?

Una perdita. In Inghilterra non c’è quasi carta per i latini, tanto meno per i nativi. È molto difficile intraprendere la carriera di attrice con le mie interpretazioni, non mi sono mai vista rappresentata in teatro, al cinema o in televisione in Inghilterra, o in serie televisive latinoamericane. Di recente le cose hanno iniziato a cambiare e stiamo vedendo una maggiore diversità sullo schermo, il che è molto divertente.

“Non conosco il mio vero cognome, perché la mia bisnonna era ispanica e perché mia zia non me l’ha mai chiesto, non lo so.
sappiamo. Mi piacerebbe saperlo ma, senza i documenti di allora, non credo sia possibile”.

Com’è stata la tua infanzia a Cali e perché hai vissuto a Londra?

Abbiamo vissuto nel quartiere della Bretagna fino all’età di tre anni e ci siamo trasferiti a Londra, dove ho avuto un’infanzia molto felice, circondata dalla mia famiglia. Mia madre ha avuto l’opportunità di viaggiare in Inghilterra per visitare un amico, ci è piaciuto molto e fortunatamente siamo riusciti a rimanere.

Cosa ti ha fatto studiare recitazione?

Ero molto accademico, un insegnante mi ha spinto fuori dalla mia zona di comfort e mi sono innamorato del teatro. Essere sul palco è un’esperienza emozionante e creativa. Ho continuato a studiare recitazione nella mia adolescenza, senza pensare che potesse diventare la mia carriera, ho studiato altre cose. In Italia ho insegnato inglese per un po’ e quando ho visto un gruppo teatrale dall’Inghilterra li ho contattati e sono andato in tournée con loro in Italia come attrice; È stata un’esperienza intensa e difficile, ma mi ha dato il coraggio di candidarmi per studiare alla Royal Central School of Speech and Drama e di essere coinvolta nel dramma politico Valiant, le storie mai raccontate di donne in guerra.

Sui social network mostri la comunità nativa del tuo paese. Qual è lo scopo?

Cerco di amplificare le loro voci, perché è triste che coloro che portano avanti le tradizioni dei nostri antenati siano stigmatizzati, emarginati e disprezzati da tutto il Paese, anche se la maggioranza, essendo meticcia, ha sangue indigeno. Rappresentare con orgoglio la mia eredità natia è un passo avanti fatto anche da molti altri latinoamericani e il primo a colmare il divario tra “noi” e “loro”. Molti di noi sono di discendenza indigena e non siamo così diversi o superiori.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."