L’aumento della spesa militare interrompe il governo italiano | Internazionale

I sismografi politici italiani non registrano movimenti da settimane. La costante crisi del governo transalpino è passata in secondo piano nel conflitto in Ucraina. Ma proprio a causa delle spese militari concordate in Nato a seguito di questa guerra, si è riaperto un enorme divario nel Consiglio dei ministri, una ferita che rischia di portare alla prima grande crisi dell’anno. Il Movimento 5 Stelle (M5S) minaccia di votare questo giovedì al Senato contro l’aumento delle voci della Difesa al 2% del PIL, come ha annunciato il Presidente del Consiglio Mario Draghi. Si tratta di rispettare le linee guida concordate in Nato, fissate per un massimo del 2024. Ma il leader del M5S ha assicurato che questo obiettivo non è una priorità per l’Italia e rischia di rompere gran parte del governo. L’esecutivo ha deciso mercoledì di presentare l’approvazione del decreto sulla consegna di aiuti e armi all’Ucraina per una questione di fiducia.

Il M5S è il partito con la più alta rappresentanza parlamentare nell’Esecutivo sindacale italiano. Giuseppe Conte, il suo leader, perso nella politica quotidiana da quando ha guidato un partito populista, sta ora cercando di riconquistare il suo profilo opponendosi all’aumento delle spese militari. Il problema è che la narrazione politica in sé non l’accompagna. L’ex presidente del Consiglio ha speso per la difesa più dell’attuale capo del governo – nel 2021 ci sarà un aumento degli investimenti pubblici nella voce del 17% rispetto al 2018 – ma i sondaggi mostrano che gli italiani non vogliono investire quei soldi adesso nelle armi e preferisce affrontare altre priorità. “L’aumento della spesa militare ora è inappropriato. La nostra sicurezza non dipende da 10 o 14 miliardi di euro in più. Continueremo a discuterne”, ha detto Conte dopo aver incontrato Draghi a Roma martedì.

Quella cricket, che ha bisogno di una spinta nei sondaggi, dimostrare pubblicamente che queste risorse dovrebbero essere utilizzate per frenare l’aumento dei prezzi dell’energia o per investimenti sanitari. Ma personalmente, molti di loro sono consapevoli che dietro il rifiuto c’è una strategia politica che può portare a una crisi di governo. “Questa è una questione complicata e non c’è nemmeno unanimità all’interno del partito. Ma è chiaro che la mossa è andata oltre i contenuti del decreto”, ha affermato un rappresentante del M5S. Infatti, la spesa militare non si trova nel Decreto Ucraina approvato dall’Esecutivo, e deve essere respinta attraverso altri meccanismi. Il partito ha attualmente il 13% di voto nei sondaggi, a poco meno di 20 punti dal risultato ottenuto alle elezioni di marzo 2018. Conte, inoltre, non è riuscito a controllare il partito e la sua leadership è messa in discussione in ogni decisione. Questo è sbagliato.

grande inconveniente

Unisciti a EL PAÍS per essere aggiornato su tutte le notizie e letture illimitate.

cliente

La minaccia del leader cricket Ciò ha causato grande disagio all’attuale Presidente del Consiglio, che è subito partito per spiegare la situazione al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Al tribunale di Chigi, presidente della Dirigenza, si sono assicurati che lo facesse perché il capo dello Stato è anche capo delle Forze armate e, inoltre, è garante dei trattati internazionali assunti dall’Italia. La stessa fonte ha segnalato qualche disagio per le manovre ritenute prive di sostanza (10 Paesi europei avevano già raggiunto l’obiettivo entro il 2021).

“L’Italia ha l’impegno di portare gradualmente la spesa militare al 2% del PIL. Un tour condotto da tutti i presidenti del Consiglio. L’anno scorso Draghi lo fece con lo stesso ritmo di miglioramento. Per questo il presidente del Consiglio ha affermato che gli impegni internazionali assunti dall’Italia non possono essere messi in discussione. Discuterne ancora mette a rischio il patto di coalizione”, ha sottolineato al quotidiano una fonte del Consiglio di Presidenza.

Il governo ha deciso di sottoporre il provvedimento, che sarà votato giovedì al Senato, al voto di fiducia. Un meccanismo parlamentare che permette di misurare la solidità dell’Esecutivo e della maggioranza che lo compone. In caso di voto contrario, una crisi politica si svilupperà in un momento di estrema volatilità per l’Italia. Qualcosa che, almeno dall’esterno, è stato pesantemente criticato dal leader del Pd, Enrico Letta. “L’Italia sconvolgerebbe il mondo intero se aprisse ora una crisi di governo. Ci costerà, tutti noi. E sarà molto negativo per il processo di pace e per coloro che stanno subendo le conseguenze della guerra. Stiamo lavorando per prevenirlo”. Crisi ucraina.

Draghi, per l’esattezza mercoledì pomeriggio, ha avuto un colloquio telefonico con il presidente russo Vladimir Putin, durato circa un’ora. Il presidente russo ha spiegato all’Italia i motivi per cui Mosca aveva preso la decisione di caricare il gas in rubli e gli ha assicurato che ciò non avrebbe influito sulle società europee, secondo il Cremlino. I due leader hanno discusso i passi compiuti nei negoziati di pace a Istanbul. Draghi ha sottolineato “l’importanza di stabilire al più presto un cessate il fuoco per proteggere la popolazione civile e sostenere gli sforzi negoziali”, secondo una fonte del governo italiano.

Segui tutte le informazioni internazionali su Facebook Voi Indonesiao dentro la nostra newsletter settimanale.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.