L’AMBASCIATORE D’ITALIA IN ZG PER PENTIRSI! Lettera di protesta inviata per “solidarietà al popolo croato”

Ristic ha inviato una lettera di protesta ai diplomatici italiani in Croazia per il suo post di ieri su Twitter, in cui, tra l’altro, è stata pubblicata una foto che ritrae Sako che depone fiori al monumento alle vittime di Jasenovac, in cui si legge “Solidarietà al popolo croato “.

Risti ha protestato in occasione e ha sottolineato di aspettarsi una reazione dall’Ambasciata, che, come ha affermato, “comprenderà la rimozione dell’annuncio, nonché le scuse pubbliche ai sopravvissuti al genocidio contro serbi, ebrei e rom in lo Stato Indipendente di Croazia e i loro discendenti.” “

– In questa occasione, vi ricordo che i membri del popolo croato sono vittime dello stato repressivo, dell’apparato militare e di polizia dell’NDH esclusivamente nella misura in cui le stesse autorità dell’NDH li considerano suoi oppositori – disse Ristik.

Sottolinea che i membri dei serbi, ebrei e rom sono chiaramente indicati nell’NDH come quelli che devono essere sterminati fisicamente, identicamente e religiosamente.

– Pertanto, non è ancora chiaro a quale segmento del popolo croato si riferiscano le vostre espressioni di solidarietà nel contesto culturale del ricordo delle vittime di Jesenovac – Stato di crisi.

Ha anche fatto un esempio che il contenuto dell’annuncio dell’ambasciatore italiano a Zagabria ha causato grande agitazione tra i serbi, in particolare i sopravvissuti, vale a dire i discendenti delle vittime del genocidio commesso contro centinaia di migliaia di serbi, nonché decine di migliaia delle persone. Ebrei e romani in NDH.

Ristic fa notare che è noto che il sistema dei campi di concentramento e di sterminio di Jasenovac dello Stato indipendente croato, il cui sito è stato visitato da un diplomatico italiano come parte di un memoriale per l’innocenza di serbi, ebrei, rom e altre vittime, era il luogo delle esecuzioni più raccapriccianti in Europa durante la seconda guerra mondiale. . .

– Pertanto, il contenuto della pubblicazione, oltre a insultare i rari sopravvissuti al luogo dell’esecuzione di Jasenovac e centinaia di migliaia di loro discendenti in tutta l’ex Jugoslavia, è anche un’importante distorsione pubblica del genocidio contro la Serbia, l’Olocausto e Samudarpien. Ristic ha dichiarato in una dichiarazione inviata ai media.

Seguici sui social




Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.