La stella del Newcastle vuole in squadra uno dei carnefici dello Sparta Praga. Guimaraes parla anche dei tifosi in Inghilterra

La mancata vittoria della Coppa del Mondo non ha annegato Jaroslav Ilhav. Nonostante dopo gli spareggi con la Svezia si fosse parlato di un cambio di posizione dell’allenatore della nazionale, alla fine le cose sono rimaste le stesse. Il tecnico 60enne guiderà i cechi nel prossimo turno di qualificazione.

A seguito delle trattative tra ilhav e la Federcalcio della Repubblica Ceca, lunedì pomeriggio è stato annunciato che il nativo di Pilsen continuerà sulla panchina della nazionale. Alla conferenza stampa, ha siglato un contratto congiunto con Petr Fousek.

“Siamo in nazionale da più di tre anni e mezzo e non credo che dovremmo vergognarci di questo risultato”. ha detto ilhav, aggiungendo che aveva qualcosa da costruire sulla squadra nazionale.

Finora ha arbitrato quaranta partite, tre delle quali ha saltato come sostituto diretto, dove era rappresentato dal suo assistente Jiří Chytrý. Il saldo attuale è positivo a causa di 21 vittorie e 14 sconfitte. I pareggi sono nati cinque volte nella partita ilhavý Výběr.

Il nuovo contratto è valido fino alla fine del 2023. Se avanzi con successo a EURO 2024, il contratto verrà automaticamente prorogato. Supponendo che l’attuale allenatore non venga esonerato, diventerà il secondo allenatore più longevo della nazionale ceca indipendente, a seconda del suo mandato.

In termini di numero di partite, ilhav si classificherà al terzo posto nelle statistiche storiche durante l’incontro di giugno. Ci saranno solo due leggende davanti a lui: Dušan Uhrin con 50 partite e Karel Brückner con 72.

“Se ci avviciniamo anche a un gran numero di Karel Brückner, con il quale ho iniziato come assistente molti anni fa, segnalerà che ci siamo riusciti anche negli anni successivi”. ilhav, un ex membro del team di implementazione di successo dell’allenatore, ha detto.

E quali sono gli obiettivi per il futuro? “Vogliamo che la nazionale rimanga nel Gruppo ‘A’ della Nations League, che è molto difficile quest’anno. E il compito chiaro per l’attuale squadra organizzativa è quello di avanzare alla Coppa dei Campioni che sarà ospitata dalla Germania nel 2024”. Il presidente della FACR Fousek è chiaro.

Il prossimo programma della Nazionale, che martedì scorso ha introdotto un nuovo logo e identità visiva, è previsto per giugno. Si svolgeranno le prime quattro partite della Nations League del nuovo anno. I cechi incontreranno gradualmente la Svizzera a Praga (2 giugno) e la Spagna (5 giugno), poi affronteranno il Portogallo a Lisbona (9 giugno) e chiuderanno la partita con un secondo duello con la Spagna a Malaga (12 giugno). .

Fonte: FACR

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.