La pandemia aggrava la crisi demografica dell’Italia

Di Paolo Rizzo Economista

ITALIA.- In Italia papa Francesco ha inaugurato questa settimana gli Stati Generali della Natalit. Questa è l’assemblea convocata per far fronte alla crisi demografica senza precedenti che sta attraversando l’Italia e, tra i denuncianti, anche per parlare primo ministro Mario Draghi.

L’ufficio statistico italiano ha reso noto che, a gennaio 2021, sono state registrate 30.676 nascite. Si tratta di una diminuzione del 12% rispetto a gennaio 2020. Questa notizia apparentemente irrilevante ha destato preoccupazione nella società italiana poiché negli anni il Paese sta attraversando una grave crisi demografica.

Nel primo decennio degli anni 2000 è stata registrata una media annua di 550.000 nascite. Nel periodo 2017-2019 la media è scesa a 440.000. Poi, nel 2020, sono state registrate solo 404.000 nascite: il numero più basso mai registrato. I dati dell’inizio di gennaio di quest’anno hanno mostrato che entro il 2021 sarebbero state registrate meno di 400.000 nascite.

// Draghi ha piani per la ripresa dell’Italia

Sono due i fattori che, da prima della pandemia, hanno influenzato la crisi: diminuzione delle donne in età fertile e minor numero di figli per donna (1,24). In Sardegna il numero medio di figli per donna è inferiore a 1 (0,95). In altre parole, nessuno dei componenti accoppiati viene sostituito. Poi, fino al 2019 e tra i paesi dell’UE, la donna italiana media è stata la prima ad avere il suo primo figlio più tardi nella vita (31 anni).

Non si tratta solo di una questione culturale, ma soprattutto di opportunità di lavoro. Il tasso di occupazione femminile in Italia (53%) è tra i più bassi nei sindacati (66% in media) mentre la regione del Sud Italia (Sicilia, Calabria e Campania) ha i dati peggiori del continente europeo. In questa regione, meno di una donna su tre ha un lavoro. Il tasso di occupazione della popolazione tra i 15 ei 39 anni è invece del 47%: si tratta del tasso più basso dell’UE (61%).

La crisi demografica crea poi uno squilibrio tra le classi di età. Già oggi l’Italia è il Paese con la più alta percentuale di over 65 nell’Unione Europea: 23,2% contro una media europea del 20,6%. Il numero dei bambini sotto i 10 anni (4,8 milioni) è leggermente superiore al numero degli anziani sopra gli 80 anni (4,4 milioni). Inoltre, in Italia il rapporto di dipendenza dei genitori è il più alto dell’UE. Per ogni 100 persone di età compresa tra 15 e 64 anni, ci sono 36,4 persone di età superiore ai 65 anni. La media europea è di 32 over 65 ogni 100, mentre in un Paese culturalmente simile, come la Spagna, 29,7 è over 100.

Non sorprende che, secondo gli ultimi dati dell’OCSE, l’Italia sia il Paese che spende di più per le pensioni in percentuale del proprio PIL. Mentre Campana Paese spende più del 15% del PIL, la Germania spende quasi il 10%. Quindi, secondo il Ministero dell’Istruzione italiano, nei prossimi dieci anni l’Italia potrebbe avere fino a 1,4 milioni di studenti in meno. Pertanto, la crisi demografica amplifica la sfida di trovare un equilibrio tra la crescente popolazione in età pensionabile e la diminuzione della popolazione in età lavorativa.

Negli ultimi anni, Il governo italiano ha cercato di aumentare la natalità e garantire maggiori diritti ai genitori. La legge prevede un’indennità annuale per i neonati che varia in base al reddito familiare e, in situazioni estreme, può arrivare fino a 2.000 euro annui. Ma è un bonus che copre solo il primo anno e non è ben coordinato con le altre misure.

Il Governo, invece, si è impegnato ad aumentare il numero degli asili nido e la percentuale di copertura dei posti per i bambini fino a 2 anni di età è passata dal 24,7% al 25,5%. Tuttavia, nonostante l’aumento, l’offerta rimane al di sotto del parametro del 33% fissato dall’UE. Recentemente il congedo parentale è stato dichiarato obbligatorio e portato a 10 giorni, mentre il congedo materno obbligatorio è di 5 mesi.

Tuttavia, se le politiche di governo sono state rigide, frammentate e non ben coordinate, la pandemia e i fondi europei sono un momento di cambiamento. Nelle ultime settimane è in discussione l’introduzione di un assegno unico per figlio che possa sostituire tutte le misure attuali. Si tratterà di un bonus riconosciuto per il nucleo familiare e per tutti i figli dalla gravidanza della madre fino al compimento dei 21 anni. L’importo dell’assegno dovrebbe variare in base al reddito familiare, al numero dei figli e alla loro età.

Si tratta di riforme ambiziose che potrebbero invertire la logica dell’intervento. In effetti, fino ad ora la maggior parte dell’assistenza del governo alle famiglie è avvenuta attraverso tagli alle tasse. Accettare la riforma degli aiuti alle famiglie significa attuare riforme fiscali. Per questo motivo, il DPR sta ancora discutendo questo passaggio e sta cercando di determinare l’importo dello stanziamento. Draghi ha promesso che la cifra sarà in media di 250 euro al mese per bambino, ma i 20.000 milioni di euro stanziati per le riforme potrebbero non bastare. I dettagli della riforma saranno definiti nei prossimi giorni in quanto i benefici dovranno arrivare alle famiglie italiane entro i primi di luglio.

Tuttavia, nessuno si illude che le riforme possano invertire la crisi demografica italiana. I motivi principali per cui i giovani preferiscono ritardare la nascita di figli sono l’incertezza economica e, come dimostrano dati recenti, la pandemia potrebbe esacerbare la situazione. Tuttavia, la crisi demografica può essere risolta solo con una crescita economica sostenibile e inclusiva.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.