la flotta scommette sull’ibrido

© otturatore

Come ogni anno, l’Osservatorio sulla mobilità di Arval si confronta con le aziende sui prossimi sviluppi riguardanti la propria flotta e la mobilità dei propri dipendenti, con la pubblicazione dell’ultimo barometro 2022.

L’Osservatorio ha condotto indagini in 26 paesi*, con 5.896 aziende in Europa e 1.680 fuori dall’Europa. In Francia, l’Istituto Ispos ha intervistato, tra il 22 novembre 2021 e il 31 gennaio 2022, 300 aziende. La loro flotta comprende almeno un veicolo – autovettura (VP) o veicolo commerciale leggero (VUL) – per l’edizione 2021.

In questo panel francese, il 33% delle aziende impiega meno di 10 dipendenti (TPE). Il 20% ha tra 10 e 99 dipendenti e il 27% ha tra 100 e 999 dipendenti (PMI). Il 20%, infine, impiega più di 1.000 persone (gruppo numeroso).

Giardini che tendono ad essere stabili

In Francia, le società studiate hanno una flotta media di 88 autovetture e 83 veicoli commerciali leggeri. In confronto, la flotta in Europa conta in media 88 autovetture e 77 veicoli commerciali leggeri. Il periodo medio di proprietà del veicolo è di cinque anni in Francia e di 5,6 anni in Europa.

Secondo il barometro del 2022, la maggior parte delle aziende in Francia ritiene che le dimensioni della propria flotta rimarranno stabili (63%) o aumenteranno (29%) in tre anni. Al contrario, solo il 6% di loro si aspettava una riduzione delle dimensioni della propria flotta. Cifre paragonabili alla media europea, indipendentemente dalle dimensioni dell’azienda. Infatti, il 71% delle aziende in Europa ritiene che la propria flotta si stabilizzerà e il 23% aumenterà entro tre anni.

Il gestore della flotta francese ha spiegato la possibilità di aumentare questa flotta principalmente attraverso lo sviluppo di attività che richiedono l’uso di veicoli all’interno dell’azienda (56%) e per motivi legati alle risorse umane che ne derivano (47%).

In termini di finanziamento, il 49% delle aziende in Francia, di tutte le dimensioni, ha dichiarato di voler stipulare contratti di locazione a lungo termine (LLD) entro i prossimi tre anni, rispetto al 34% delle aziende in Europa.

Il 13% delle aziende ha cambiato la propria politica di mobilità

La crisi sanitaria ha avuto un impatto sulle dimensioni della flotta per il 17% delle aziende francesi. Ma solo il 13% delle aziende cambia le proprie politiche di mobilità e il 6% prevede di farlo dopo l’adozione del telelavoro.

Tra le aziende francesi che hanno modificato la propria politica di mobilità, il 49% ha modificato la propria polizza auto in termini di chilometraggio o modello offerto. Il 46% ha implementato una soluzione di car sharing per i dipendenti. Il 27% ha sviluppato soluzioni di mobilità alternative o “pacchetti” di mobilità. Il 18%, infine, offre soluzioni di mobilità alternativa ai dipendenti che non hanno i requisiti per i veicoli aziendali.

La transizione energetica è sempre più veloce…

In termini di motori, il 71% delle aziende francesi ha installato veicoli a energia alternativa ai veicoli a combustione interna nella propria flotta di autovetture, ovvero +23 punti rispetto alla media europea. In Francia, le società studiate sono passate principalmente alle autovetture ibride (48%; +19 punti rispetto alla media europea) e alle ibride ricaricabili (43% o +22 punti).

Queste aziende hanno optato per veicoli ibridi (compresi quelli ricaricabili). In un’ottica di rispetto delle loro politiche di CSR (74% per PC e 60% per LCV) e per un minor impatto ambientale (70%; 64%). Le aziende vogliono la loro immagine (61%; 51%) o guidano in una zona a mobilità ridotta (ZFE-m) (60%: 62%).

…ma a una velocità inferiore per l’elettricità

In confronto, solo il 27% delle aziende ha implementato PC 100% elettrici (+8 punti rispetto all’Europa), a causa dei vincoli esistenti. Inoltre, il 44% non prevede di introdurre veicoli elettrici entro tre anni.

Tra i principali freni proposti per l’elettrico: il numero di colonnine pubbliche di ricarica (52% in Francia e 44% in Europa) e un prezzo di acquisto esorbitante rispetto ai modelli equivalenti a benzina (29%; 43%). Questa è stata seguita dall’assenza di una stazione di ricarica in loco (29%; 39%) oa casa (26%; 39%). Infatti, il 36% delle aziende francesi non ha installato una stazione di ricarica nei propri locali.

Secondo il barometro 2022, entro tre anni la quota di motori a combustione interna (benzina o diesel) nella flotta francese potrebbe raggiungere il 30% per i PC e il 46% per i veicoli commerciali leggeri. Per l’Europa, le cifre sono stimate al 52% per PC e al 64% per LCV. La quota prevista del 100% di elettricità è del 27% per i PC e del 25% per i veicoli commerciali leggeri in Francia. Questa cifra raggiunge il 23% per PC e il 17% per LCV in Europa.

La flotta è in ritardo rispetto alla nuova mobilità…

Allo stesso tempo, il 74% delle aziende in Francia ha implementato soluzioni di mobilità alternativa rispetto al 65% in Europa. E il 9% prevede di implementarlo entro tre anni in Francia contro il 12% in Europa.

“Questa nuova soluzione di mobilità non intende sostituire la flotta di veicoli dell’azienda. Si completano a vicenda”, suggerisce il barometro del 2022. Tra le aziende che utilizzano o intendono implementare almeno una soluzione di mobilità, queste preferirebbero leasing a breve o medio termine (LCD o LMD) (20%), il 13% per il carpooling o il car sharing e 8 % sul budget della mobilità, sostituendo in tutto o in parte la flotta.

… e condizioni ketentuane LOM

Inoltre, “molte aziende non sono interessate, o affermano di non essere a conoscenza, delle leggi sull’orientamento alla mobilità. Questo è ancora più vero per le piccole imprese”, osserva l’Osservatorio. Tra le disposizioni della LOM, l’inverdimento della flotta resta quella meglio attuata. Ciò vale soprattutto per le grandi imprese (59%) rispetto alle piccole imprese (37%). Ma il 28% delle piccole imprese ha predisposto un pacchetto di mobilità sostenibile, rispetto al 26% delle grandi imprese. Infine, l’11% di tutte le aziende ha lanciato piani per le biciclette.

Allo stesso modo, i piani di mobilità sono ancora poco attuati dalle grandi aziende. Il 60% non si applica per mancanza di tempo o competenze. Tuttavia, questo piano è obbligatorio per le aziende con più di 50 dipendenti,

Tra le misure del piano di mobilità, le flotte citano il telelavoro (46%) e gli uffici condivisi (24%). Seguono il carpooling (12%), il pagamento degli abbonamenti al trasporto pubblico (10%) e il sostegno all’uso delle biciclette elettriche (VAE) con posti auto riservati (9%).

Il 40% della flotta è dotata di telematica

Nella flotta francese, il 24% dei PC e il 34% dei veicoli commerciali leggeri sono dotati di telematica. Il 44% delle flotte di grandi gruppi ne è dotato rispetto al 39% di VSE. Le aziende utilizzano la telematica per ridurre i costi della flotta (46%) e trovare o migliorare la sicurezza dei veicoli (36%). In particolare, la telematica consente di gestire diversi incidenti di guida: consumo eccessivo di carburante e deviazione chilometrica (55%), sanzioni e sinistri (51%), comportamento alla guida (49%).

Misure di rischio stradale

Infine, il 40% delle aziende ha implementato piani di prevenzione dei rischi stradali in Francia. Tra le misure ritenute efficaci nel limitare questi rischi, l’azienda ha evidenziato: innovazione tecnologica dei veicoli e misure di formazione alla guida e sicurezza ecocompatibili (52%) e misure di comunicazione (50%).

* Germania, Austria, Belgio, Brasile, Cile, Danimarca, Spagna, Finlandia, Francia, Grecia, Italia, Lussemburgo, Marocco, Norvegia, Paesi Bassi, Perù, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Regno Unito, Russia, Slovacchia, Svezia , Svizzera, Turchia.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.