La Corte Suprema italiana conferma la condanna di Robinho per stupro

(CNN Brasile) — L’attaccante Robinho, 37 anni, e il suo amico Ricardo Falco sono stati finalmente condannati da un tribunale italiano per violenza sessuale mercoledì 19 gennaio.

La Corte di Cassazione di Roma ha respinto il ricorso degli imputati e confermato la pena di primo grado a 9 anni di reclusione.

Robinho, ex giocatore di Milan, Manchester City e Real Madrid, e altri quattro brasiliani sono accusati di aver partecipato allo stupro, ora confermato in tutti i casi nei tribunali italiani, di una giovane donna albanese in una discoteca milanese, giovedì. anno 2013.

La convinzione è stata confermata alla Cnn Brasil dall’agente sportivo del giocatore, Marisa Alija, e dall’avvocato della vittima, Jacopo Gnocchi.

I pubblici ministeri hanno utilizzato le registrazioni audio di un microfono installato nell’auto, che ha registrato le conversazioni tra Robinho ei suoi amici, confermando la versione della vittima dello stupro di gruppo.

Nonostante sia stato condannato, Robinho che si trova in Brasile non può essere estradato, perché la legge non consente l’estradizione di cittadini brasiliani.

La giustizia italiana può avvalersi della Polizia Internazionale (Interpol) per arrestare il giocatore se viaggia all’estero.

All’epoca, la difesa di Robinho affermava che “in questo, come in molti casi di questo tipo, il vero pericolo è confondere la legge con la morale” e assicurava che il rapporto tra imputato e vittima fosse consensuale.

Report di Leonardo Lopes, Raphael Coraccini, Julyanne Jucá della CNN Brasile, con informazioni di Diego Bertozzi.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.