Italia: ribaltamento bus carico di profughi ucraini

Bus deragliato con profughi ucraini in Italia

Un autobus che trasportava circa 50 profughi ucraini si è ribaltato nelle prime ore di domenica su un’autostrada principale del nord Italia, provocando la morte di una persona.Lo hanno detto i vigili del fuoco italiani.

Lo dice la radio di Stato italiana Nell’incidente una persona è morta e diverse sono rimaste ferite. È accaduto intorno alle 6:45 del chilometro 101 dell’autostrada A14 nei pressi di Forlì, un comune dell’Emilia-Romagna nel nord-est dell’Italia. Ha detto che il resto di quelli a bordo è stato evacuato in sicurezza.

L’autobus si è ribaltato su un pendio erboso appena fuori dal guardrail dell’autostrada e vicino ai campi coltivati ​​e non ha colpito altri veicoli, ha riferito il quotidiano italiano La Repubblica. I vigili del fuoco hanno utilizzato due gru in funzione per portare l’autobus in posizione verticale, rimuovendolo e liberando coloro che erano rimasti intrappolati all’interno.

I vigili del fuoco lavorano sul luogo dell’incidente di un autobus che trasportava ucraini precipitato, tra Forlì e Cesena, in Italia, il 13 marzo 2022. Vigili del Fuoco/Dispensa via REUTERS

La donna morta stava viaggiando con i suoi due figli di 5 e 6 anni a Pescara. Viene da Khmelnitski, una città di 280.000 persone nell’Ucraina occidentale.

Il ministero dell’Interno italiano ha detto che l’autobus aveva lasciato l’Ucraina e si stava dirigendo a sud verso Pescara, una città portuale dell’Adriatico, quando si è ribaltato. I passeggeri sono stati portati alla stazione di polizia più vicina per l’assistenza iniziale, e poi continueranno il loro viaggio, ha detto il ministero.

Si indaga sulla causa del ribaltamento del bus.

I vigili del fuoco lavorano sul luogo dell'incidente di un autobus che si è schiantato durante il trasporto di cittadini ucraini, vicino a Cesena, in Italia, il 13 marzo 2022. Polizia di Stato/Dispensa via REUTERS
I vigili del fuoco lavorano sul luogo dell’incidente di un autobus che si è schiantato durante il trasporto di cittadini ucraini, vicino a Cesena, in Italia, il 13 marzo 2022. Polizia di Stato/Dispensa via REUTERS

L’Italia ha continuato a ricevere gli ucraini fuggiti dalla guerra da quando hanno subito l’invasione russa di Vladimir Putin il 24 febbraio.

Secondo i dati ufficiali, a ieri, sabato, sono arrivati ​​nel Paese 34.851 ucraini, di cui 17.685 donne, 3.040 uomini e 14.126 minorenni.

NUMERI DI RIFUGIO DELL’UNHCR

Gli ucraini che avevano lasciato il loro paese a seguito dell’invasione russa si erano già alzati 2,69 milionisecondo i dati aggiornati quotidianamente dall’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Un vigile del fuoco guida una famiglia di rifugiati dopo essere fuggito dall'Ucraina per la Romania, in seguito all'invasione russa dell'Ucraina, al confine a Siret, Romania, il 13 marzo 2022. REUTERS/Clodagh Kilcoyne
Un vigile del fuoco guida una famiglia di rifugiati dopo essere fuggito dall’Ucraina per la Romania, in seguito all’invasione russa dell’Ucraina, al confine a Siret, Romania, il 13 marzo 2022. REUTERS/Clodagh Kilcoyne

Più della metà di questo esodo ha raggiunto i vicini La Polonia, che ospita 1,6 milioni di rifugiati ucraini, mentre 246.000 si trovano in Ungheria, 195.000 in Slovacchia, 105.000 in Russia, 104.000 in Moldova, 84.000 in Romania e circa 900 in Bielorussia, tra gli altri paesi.

Secondo i dati dell’UNHCR, più di 300.000 rifugiati ucraini si trovano anche in altri paesi europei che non sono vicini all’Ucraina.

L’esodo di profughi ucraini è il più grande in Europa dalla seconda guerra mondiale, superando persino quello causato da tutte le guerre nell’ex Jugoslavia negli anni ’90 (2,4 milioni secondo i calcoli delle organizzazioni umanitarie).

I rifugiati dall'Ucraina riposano alla stazione ferroviaria centrale, dopo l'invasione russa dell'Ucraina, a Varsavia, Polonia, il 12 marzo 2022. Immagine scattata il 12 marzo 2022. Adam Stepien/Agencja Wyborcza.pl via REUTERS
I rifugiati dall’Ucraina riposano alla stazione ferroviaria centrale, dopo l’invasione russa dell’Ucraina, a Varsavia, Polonia, il 12 marzo 2022. Immagine scattata il 12 marzo 2022. Adam Stepien/Agencja Wyborcza.pl via REUTERS

L’UNHCR ha calcolato nei primi giorni di guerra che potrebbe portare fino a quattro milioni di rifugiati, anche se data la velocità con cui le cifre stanno aumentando, i suoi funzionari ammettono che è possibile che il flusso di persone in fuga dal Paese sia ancora maggiore.

Gli oltre due milioni di sfollati interni sfollati a causa del conflitto devono essere aggiunti all’esodo fuori dall’Ucraina, una cifra che secondo l’UNHCR potrebbe raggiungere i 6,7 milioni se la guerra continua.

Nei primi giorni di guerra, l’agenzia delle Nazioni Unite ha richiesto 510 milioni di dollari alla comunità internazionale per pagare le sue operazioni di soccorso ai rifugiati e agli sfollati interni, anche se questo numero potrebbe aumentare se l’attuale popolazione in fuga dalla guerra in Ucraina dovesse affluire.

(con informazioni da EFE, EP e AP)

CONTINUA A LEGGERE:

La Russia rapisce un altro sindaco ucraino
La richiesta disperata di un ucraino di portare la figlia e il nipote in Argentina: “Non hanno né cibo né soldi”

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.