Italia.- Berlusconi ha escluso di diventare Presidente del Consiglio o Presidente del Senato italiano

MADRID, 4 agosto (EUROPA PRESS) –

L’ex primo ministro italiano e presidente del partito Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha escluso questo giovedì di essere capo dell’Esecutivo italiano o presidente del Senato e ha accusato l’alleanza di centrosinistra di “unirsi solo contro qualcuno o qualcosa”.

I politici italiani hanno però chiarito che potrebbe presentarsi come candidato al Senato, ma hanno insistito sul fatto che le voci sulla sua possibile candidatura a presidente del Consiglio sono “prive di fondamento”.

“Non sarò primo ministro. Ho lavorato per più di dieci anni con grandi risultati, ma ora è il momento di lasciare che gli altri facciano cose buone”, ha detto, secondo un rapporto dell’agenzia di stampa Andkronos.

Pertanto, ha indicato che “forse” si presenterà al Senato, anche se ha indicato che “potrebbe essere più utile se rimane in Europa” come membro del parlamento “dissuadere l’Unione europea dal posizione che deve assumere nei confronti di Stati Uniti, Cina e Russia”. “Per loro, l’Europa deve avere una forza militare, con un esercito combinato di 100.000 soldati”, ha detto.

A questo proposito, ammette che per questo sono necessarie riforme. “In questo momento se un Paese dice che non basta, tutto si ferma. Dobbiamo raggiungere la maggioranza qualificata, almeno per certi versi. Io lì posso giocare un ruolo importante”.

Riguardo alla situazione italiana, ha affermato che “il riavvio dell’Italia ha commentato” e ha sostenuto “il suo consolidamento e attuazione”. “Molte domande devono essere risolte prima delle elezioni in modo che gli italiani possano trovare il loro posto. (…) Creeremo un governo di alto profilo e credibile in Europa e nel mondo”, ha sottolineato.

Alla partenza del presidente del Consiglio in carica, Mario Draghi, ha assicurato che Forza Italia “non è responsabile” della caduta del governo. “Non ho sentito niente da lui, non c’è possibilità. Sono sempre stato dalla parte del governo”, ha detto.

Inoltre, ha riconosciuto che “ci sono punti in comune con la Lega di Matteo Salvini”, ma ha assicurato che “il suo linguaggio e il suo atteggiamento non sono i nostri, né lo sono i suoi elettori”. “La Lega ha pagato il prezzo elettorale per entrare a far parte del governo Draghi, ma penso che questo sia un successo politico e un investimento per il futuro”, ha sottolineato.

Alberto Baroffio

"Lettore certificato. Zombie geek. Avido esperto di alcol. Tipico fanatico del cibo. Praticante di viaggio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.