Italia approva ‘Decreto Salvini’ misure restrittive sull’immigrazione | Internazionale

Decine di migranti arrivano ad ‘Aquarius’ nel porto italiano di Salerno, a maggio.CARLO HERMANN (AFP)

E’ stato il giorno più atteso dal vicepresidente e ministro dell’Interno italiano Matteo Salvini. Il Consiglio dei ministri ha approvato lunedì un decreto sulla sicurezza e l’immigrazione che porta il nome e il segno personale del leader della Lega di estrema destra. La nuova misura inasprisce le condizioni per i richiedenti asilo, limita la protezione degli immigrati vulnerabili e facilita l’espulsione.

Salvini si stava preparando da tempo. È stato il suo grande cavallo di battaglia e il vero pacchetto politico che ha mostrato alle elezioni dello scorso marzo. E finalmente è arrivato il via libera. Anche se per entrare in vigore deve ancora essere firmato dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e approvato dal Parlamento entro 60 giorni, c’è da aspettarselo visto che la maggioranza è detenuta dal governo di coalizione del Movimento 5 Stelle e dal Lega.

Uno dei punti più controversi del decreto è la soppressione delle protezioni umanitarie, che finora sono state concesse a un terzo dei richiedenti asilo. Questa è una delle tre forme di protezione che si applicano insieme all’asilo e alla protezione sussidiaria. In pratica verrà sostituito con un permesso di soggiorno di un anno solo in casi estremi come un’emergenza sanitaria, una calamità naturale nel Paese di origine o aver compiuto qualche impresa sul suolo italiano.

Fino a poco tempo, la protezione umanitaria implicava un permesso di soggiorno di due anni e il diritto a un visto di lavoro se si trovava lavoro. Accesso anche al sistema di ammissione in un piccolo centro di accoglienza dove si tengono corsi di italiano o di formazione professionale e si lavora sull’integrazione. Quando imposto, un gran numero di immigrati finirà al primo centro di ammissione o rimarrà indietro, spiega Christopher Hein, professore di Diritto e politica dell’immigrazione e dell’asilo presso il polo universitario Luiss di Roma. Medici Senza Frontiere Italia chiarisce di aver documentato quanto la permanenza in queste grandi strutture “contribuisca al deterioramento della salute mentale di persone già traumatizzate e riduca drasticamente le loro possibilità di integrazione sociale”.

Il ministro dell’Interno lunedì ha celebrato l’approvazione della norma, sostenendo che si trattava di una mossa «per combattere più energicamente mafie e trafficanti, ridurre le tasse eccessive di immigrazione, espellere più rapidamente falsi criminali e rifugiati, togliere la cittadinanza ai terroristi, dare più potere alle forze dell’ordine”.

Unisciti a EL PAÍS per essere aggiornato su tutte le notizie e letture illimitate.

cliente

“Oggi i veri affari si fanno in questo megacentro. L’attività di accoglienza non sarà combattuta, sarà promossa”, ha affermato Hein. D’altra parte, gli esperti ritengono anche che il trasferimento alla fine aumenterà il numero di immigrati in situazione di irregolarità. «In realtà è stato un obiettivo suicida, un boomerang di governo perché sicuramente gioverebbe a più stranieri in una situazione irregolare e nientemeno, come promesso da Salvini. Perché tutti coloro che ora hanno il permesso di soggiorno o possono aspirare ad averlo per motivi umanitari non ne avranno più uno. E prendendoli non scompariranno, ma il loro stato si disorganizzerà”, ha spiegato la maestra.

Il nuovo decreto apre anche la strada all’espulsione degli immigrati considerati “pericoli sociali” o condannati al primo grado. Questo punto è controverso e rischia di essere dichiarato incostituzionale perché il diritto alla presunzione di innocenza è garantito fino alla condanna di terzo grado. “Si chiama decreto immigrazione, ma soprattutto parla di restrizioni ai rifugiati e diritto di asilo. In tutto il decreto non c’è una parola sulle modalità di ingresso regolare, come corridoi umanitari o simili per rifugiati e richiedenti asilo. Propone solo misure restrittive e repressive”, ha affermato Hein.

Dott. Claudia Lodesani, presidente di Medici senza frontiere Italia, ritiene anche che il governo stia concentrando tutti i suoi sforzi sullo smantellamento del sistema di soccorso e soccorso agli immigrati. Secondo Lodesani, «un ultimo tentativo di fermarsi Acquariol’unica nave di soccorso e non governativa rimasta per salvare vite umane nel Mediterraneo centrale”.

Ulteriori informazioni

In linea di principio sono stati proposti due originali decreti, uno per la sicurezza e l’altro per l’immigrazione, che il governo italiano ha messo a punto la scorsa settimana. Nei giorni scorsi sono state apportate modifiche alle regole originarie per adeguarle alla posizione meno aggressiva del Movimento 5 Stelle ea causa dei dubbi della Presidenza repubblicana sui requisiti urgenti che devono essere soddisfatti per approvare il decreto legge. .

La Norma è stata fortemente avversata da vari settori oltre che dalla Chiesa italiana, che lo scorso agosto ha accolto nella sua struttura un centinaio di immigrati bloccati nel porto di Catania a bordo di una nave italiana. Diciotti per espresso ordine di Salvini. Il segretario generale della Conferenza episcopale italiana, Nunzio Galantino, critica il fatto che l’immigrazione e la sicurezza siano disciplinate nello stesso decreto. Ciò significa che l’immigrato è stato processato e le sue condizioni sono considerate un pericolo per il pubblico indipendentemente dal suo comportamento, che è già un brutto segno, ha detto.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.