In che modo Robertson ha migliorato le sue corna? Ha fatto della sua peggiore disciplina una priorità

Andy Robertson ha molti vantaggi, ma gli angoli non sono uno di questi. Tuttavia, aveva lavorato duramente in questa disciplina e ora era uno dei suoi punti di forza. Come ha fatto e cosa lo ha portato lì?

“Il PS deve esercitarsi sugli angoli,” questo è il post su Instagram di Andy Robertson il 16 dicembre 2018. Il Liverpool ha appena battuto il Manchester United 3:1 ad Anfield, l’ultima partita di Jose Mourinh sulla panchina dei Red Devils.

Lo stesso allenatore portoghese era sbalordito dall’inarrestabile tenacia della sponda sinistra del Liverpool. “Sono solo stanco di vedere Robertson. Farà uno sprint di cento metri ogni minuto”, ha detto più tardi dopo la partita di Mourinho. Ma mentre tutti sono abituati al suo gonfiore fisico, anche in una partita così bella, c’è qualcosa da criticare.

Robertson ha giocato quattro angoli, una volta corto e ha colpito tre volte il primo difensore dello United. Non ha giocato un corner per il resto della stagione.

Sono passati quattro anni e Robertson è uno dei migliori attaccanti della Premier League. In questa stagione, il Liverpool ha segnato 24 gol dopo la situazione standard di Robertson. Ha collezionato 15 assist, cinque dei quali ricevuti direttamente dai calci d’angolo.

Il miglior calcio d’angolo della Premier League

Goal attesi (xG) conta il numero di tiri in sei secondi su calcio d’angolo giocati

Giocatore – squadra Numero di angoli xG totale dell’angolo xG per un angolo
Ward-Prowse – Southampton 201 5.8 0.03
Heung Min – Tottenham 140 4.6 0.03
Alexander-Arnold – Liverpool 123 4.1 0.03
Sporco – Brighton 91 3.0 0.03
Montagna – Chelsea 87 2.6 0.03
Bruyne – Maschio. Città 78 1.6 0.02
Bowen – West Ham 77 3.4 0.04
Robertson – Liverpool 75 2.7 0.04

Allora, come ha fatto Robertson a diventare così bravo in qualcosa in cui era così cattivo?

Il capitano della Scozia The Athletic ha dichiarato di aver avuto problemi a lanciare la palla alta quando ha colpito la palla dal punto. Ecco perché i suoi compagni di squadra spesso giocano la palla per colpirla mentre è in movimento.

“Non riuscivo a farli decollare. Non so perché. Era qualcosa che volevo aggiungere al mio gioco. È sempre positivo che le persone dimostrino il contrario”. ha detto Robertson.

“Durante la stagione 2018/19 ho lavorato sodo per migliorarla. Volevo aumentare le possibilità della squadra di entrare in curva con la mia sinistra, perché in precedenza erano giocate solo da Trent Alexander-Arnold o da James Milner a destra. Ho cercato di essere quell’occasione da mancino e credo di avercela fatta”. ha detto il difensore 28enne.

E ha funzionato davvero. Mentre nella stagione 2018/19 ha realizzato 5 angoli, quest’anno ne ha realizzati 75. Il fattore principale è che il suo xG sale, che è il gol atteso dopo il suo corner. Dalla stagione 2019/20, xG ha tirato da 0,8 a 2,7. Ogni corno di Robertson diventava sempre più pericoloso.

Blocco della concentrazione

“Non riesco ancora a credere che ‘Robbo’ abbia preso a calci la tromba. Non lo metteresti mai su di loro in vita tua.” ha detto David Meyler dell’Athletic, un ex compagno di squadra di Hull City. “Era terribile in questo. Alcuni hanno colpito i primi giocatori, altri hanno fatto volare tutti i giocatori nel gesso. Ma ci ha lavorato e il suo centro ora è irreale. È chiaro che lavorare sodo su qualcosa ripagherà. “ ha aggiunto Meyler.

“Non direi che ha cambiato il suo stile di calcio, ma ha migliorato la sua concentrazione. Per uno come Trent, sembrava più naturale. Robbo non mi avrebbe perdonato, ma per lui non era naturale. Quando guardi David Beckham, che è uno dei migliori al mondo, non corre mai in un angolo, guarda sempre attentamente dove vuole calciarlo”. pensò Meyler.

Robertson e altri giocatori del Liverpool hanno iniziato a lavorare con i neurologi per aiutarli a concentrarsi maggiormente su situazioni specifiche.

Alexander-Arnold e Robertson hanno il grande vantaggio che il Liverpool ha grandi colpi di testa su Van Dijk, Konaté, Matip o Fabinho. Ma il loro compito è trovare i compagni di squadra, o meglio dove sono diretti. Robertson ha giocato più spesso un corner tra il gesso e il rigore, spesso gestito da tre giocatori dei Reds.

Robertson ha giocato un corner da sinistra per far rotolare la palla dalla porta, Alexander-Arnold lo ha raccolto da destra. Insieme, hanno formato una delle grandi armi del Liverpool, dalla quale la squadra di Jürgen Klopp ha segnato numerosi gol. E qualche anno fa, Robertson non era riuscito a battere il primo difensore.

Fonte: Atletica

Carlita Monaldo

"Appassionato di caffè. Pensatore impenitente. Appassionato pioniere degli zombi. Difensore televisivo sottilmente affascinante. Orgoglioso esperto di web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.