Il presidente dell’Algeria lamenta il turno di Sánchez su Shara: “Ha rovinato tutto”

Presidente dell’Algeria, Abdelmadjid Tebboune, ieri sera ha accusato il presidente del governo spagnolo, Pedro Sanchez, dalle haber “ha rovinato tutto” dopo la sua svolta politica sulla questione del Sahara occidentale. Tebboune ha lanciato una forte critica a Sánchez, che accusa di aver violato il diritto internazionale accettando il piano di autonomia del Marocco per il Sahara occidentale – che invalida la pretesa di autodeterminazione del popolo Saharawi – prima di qualificare che le relazioni con il loro Stato spagnolo sono “forti e ferme” e che adempiranno ai loro impegni sul gas “qualunque siano le circostanze”.

“Quello che ha fatto la Spagna è inaccettabile, eticamente e storicamente”, Tebune ha dichiarato in un’intervista rilasciata ieri sera alla televisione pubblica algerina in cui ha ricordato al governo spagnolo che “la sua responsabilità ricade sul Sahara occidentale prima della legalità internazionale”.

“Finché non si raggiunge una soluzione, qualunque essa sia, è considerata un potere amministrativo”, ha affermato il presidente algerino. “Gli altri possono schierarsi o meno, questo è un loro problema. Ma non la Spagna. Non hai il diritto di cedere il territorio colonizzato a un altro paese. Questo è il problema con la Spagna”, ha detto.

Tebboune lo ha dimostrato la decisione presa da Sánchez ha peggiorato i rapporti tra i due governi. “Abbiamo buoni rapporti con la Spagna e c’è stato un riavvicinamento, come con l’Italia. Il presidente del governo ha violato tutto, non la Spagna”, ha lamentato il presidente algerino prima di chiarire che le sue critiche erano rivolte all’Esecutivo e non alla Spagna. nazione.

“Distinguiamo tra il governo e lo Stato spagnolo. Abbiamo un rapporto forte e molto forte con lo Stato spagnolo”, ha detto Tebboune, che ha assicurato che Sánchez aveva preso una decisione impopolare. “Non ha ricevuto sostegno da altri, né al Congresso dei Deputati né per le strade”, ha mostrato presidente dell’Algeria.

Abdelmadjid Tebboune ha negato che la dichiarazione implicasse un’ingerenza nelle decisioni del governo spagnolo. “Non interferisco negli affari interni della Spagna, ma noi osservatori del Sahara occidentale consideriamo la Spagna un potere amministrativo”, ha spiegato.

NORMALIZZAZIONE DEL RAPPORTO E IMPEGNO DI FORNITURA

Per quanto riguarda il deterioramento delle relazioni diplomatiche, il presidente dell’Algeria ha offerto a Sánchez la possibilità di ristabilire le relazioni quando riprenderà il suo ruolo di amministratore del Sahara occidentale.

Va ricordato che L’ambasciatore dell’Algeria in Spagna, Said Moussiè stato chiamato a consultazioni a marzo e deve ancora tornare, in attesa che la Spagna fornisca “un chiarimento preventivo e onesto per ricostruire la fiducia gravemente danneggiata”, come richiesto questa settimana dal governo algerino.

Sebbene Sánchez abbia espresso il desiderio di “risolvere in breve tempo questa questione diplomatica”, Tebune ha insistito sul fatto che la normalizzazione delle relazioni con il governo spagnolo richiede “l’adesione al diritto internazionale”. “Non possono ignorare la loro responsabilità storica e viene loro chiesto di rivedere le loro azioni”, ha spiegato.

Tuttavia, Abdelmadjid Tebboune vuole insistere messaggio di pacificazione e ha garantito che il suo paese rispetterà rigorosamente tutti gli accordi per quanto riguarda le forniture di gas alla Spagna dopo che, all’inizio del mese, la società energetica algerina Sonatrach aveva avvertito della possibilità di “ricalcolare” i prezzi.

“Per rassicurare i nostri amici spagnoli, il popolo spagnolo: l’Algeria non rinuncerà mai al suo impegno di fornire gas alla Spagna, qualunque siano le condizioni”, ha sottolineato il presidente.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.