Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden annuncia nuovi aiuti militari all’Ucraina – rts.ch

Un nuovo convoglio delle Nazioni Unite è atteso venerdì per evacuare gli ultimi civili trincerati nell’acciaieria Azovstal a Mariupol, l’ultima sacca della resistenza ucraina nel porto strategico del Donbass, senza garanzie di un cessate il fuoco nei combattimenti.

Nonostante questa incertezza, l’Assistente Segretario Generale delle Nazioni Unite per gli Affari Umanitari, Martin Griffiths, ha annunciato giovedì che il nuovo convoglio era diretto verso la città dei martiri, divenuta uno dei simboli dell’invasione russa iniziata il 24 febbraio.

“Mentre parliamo, un convoglio sta arrivando ad Azovstal domani mattina nella speranza di recuperare i civili rimasti da questo inferno oscuro, in cui hanno abitato per settimane e mesi, e riportarli al loro posto. Al sicuro, ” ha detto Martin Griffiths a Varsavia. Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) ha confermato di essere legato a lui.

Cento civili sono stati in grado di lasciare il complesso lo scorso fine settimana, durante un’evacuazione organizzata dalle Nazioni Unite e dal CICR.

I civili evacuano la fabbrica Azovstal. [David Arakhamia/Azov Regiment/Handout – Reuters]

Informazioni contrastanti

Le informazioni sulla situazione presso l’acciaieria Mariupol, dove civili e combattenti vivono in grandi gallerie sotterranee, rimangono contraddittorie.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha assicurato giovedì nel suo videomessaggio quotidiano che le truppe russe hanno continuato a bombardare le acciaierie nonostante la promessa russa di una tregua di tre giorni a partire da giovedì mattina.

I bombardamenti russi continuano “mentre i civili devono ancora essere evacuati, donne, bambini”, ha detto in un messaggio pubblicato sulla sua pagina Facebook.

Il presidente russo Vladimir Putin da parte sua ha ribadito giovedì in ritardo che “l’esercito russo è sempre pronto a garantire l’evacuazione dei civili” dall’Azovstal, che potrebbe ancora essere 200, bloccato con i combattenti ucraini in questo composto. .

Dubbi sulla tregua

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha intanto assicurato che l’esercito russo ha rispettato il cessate il fuoco intorno alla fabbrica e che il corridoio umanitario intorno all’Azovstal “funziona”.

Ciò che i combattenti ucraini sul posto hanno negato. Il vice comandante del reggimento Azov, che difende questa installazione, Sviatoslav Palamar, assicura in un video che all’interno del sito stesso è in corso una “rissa sanguinosa” e che la Russia “non ha mantenuto la promessa” di un cessate il fuoco.

Dal complesso delle acciaierie Azovstal a Mariupol si alza del fumo. [Alexei Alexandrov - Keystone/AP Photo]Dal complesso delle acciaierie Azovstal a Mariupol si alza del fumo. [Alexei Alexandrov – Keystone/AP Photo]

Destinazione strategica per Mosca

La cattura totale di Mariupol, la città portuale prebellica di quasi 500.000 persone distrutte da un assedio e bombardamenti russi di due mesi, sarà una vittoria storica per la Russia mentre si avvicina al 9 maggio, un giorno celebrato con una massiccia parata militare nel Rossi. Piazza la sua vittoria sulla Germania nazista nel 1945.

La parte ucraina ha affermato che anche le truppe russe si stavano preparando a marciare attraverso Mariupol quel giorno.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.