Il postino del calcio è tornato. È normale rappresentare a 31 anni, dice Balotelli

Dal 2018 non gioca più nella nazionale italiana. Ha assistito al viaggio dei suoi compagni di squadra l’anno scorso verso il titolo europeo solo sullo schermo. Mario Balotelli è tornato adesso. Mercoledì indosserà la maglia della nazionale e scenderà in campo a Coverciano, in Toscana, sede della Nazionale. Insieme ad altri 34 calciatori, è stato convocato dall’allenatore Roberto Mancini, che ha radunato la squadra per i playoff di marzo per passare ai Mondiali.

Mario Balotelli ha reagito con straordinaria calma al suo ritorno. “Sto bene e di buon umore. È normale giocare a 31 anni”. ha detto ai giornalisti. “Credo che l’Italia si sia qualificata per il campionato. Il fatto che abbia dovuto giocare ai playoff è appena successo”, ha aggiunto l’ex cannoniere di Inter, Manchester City, Milan e Liverpool.

Dall’anno scorso, Balotelli ha sostituito la nuova arrivata nel campionato turco Adana Demirspor, allenata dal suo connazionale Vincenzo Montella. In 19 partite, il famoso ex tiratore scelto ha segnato otto gol. Riuscì a riprendere la carriera dopo un mancato rientro nella sua casa di Brescia e un breve ingaggio nel secondo campionato di Monza.

E si fida di coach Mancini che non lo porta in squadra solo per numeri. “Ci siamo divertiti molto e va tutto bene. Mi ha aiutato a fare il suo debutto una volta, spero che un giorno mi vedrà finirlo”, ha detto del suo allenatore del destino. L’Italia giocherà la qualificazione contro la Macedonia del Nord il 24 marzo e, in caso di successo, sarà davanti alla coppia Portogallo-Turchia.

Era Mancini a guidare Balotelli all’Inter e al Manchester City. Nel Milan scommette sul giovane ed esordisce in Serie A. Era il 2007, quando Balotelli aveva appena 17 anni.

Il portiere, la cui carriera è stata segnata da alcune tendenze dentro e fuori dal campo, è poi diventato il padre di Mancini a Manchester. Sapeva di avere un talento straordinario in squadra, ma doveva tenerlo d’occhio, altrimenti non avrebbe smesso di allenarsi ubriaco, litigare e scandalizzare il bar.

In Inghilterra Mancini trasferì addirittura la casa di Balotelli per tenerlo sotto sorveglianza. “Ogni allenatore che lo ha allenato dovrebbe ricevere un doppio stipendio – un tale compenso per Balotelli”, ha detto ai giornalisti in quel momento.

Ora i suoi pupilli hanno un ruolo più facile in nazionale. L’Italia ha vinto gli Europei l’anno scorso senza un centrocampista affidabile. Ciro Immobile della Lazio non sta più vendendo la sua forma migliore ai tiratori in Serie A. Andrea Belotti dell’FC Torino è un sostituto nella squadra ed è attualmente infortunato.

E Balotelli è fiducioso. In risposta alla sua convocazione in nazionale, ha postato su Instagram il suo gol della semifinale di Euro 2012 contro la Germania, quando ha posato nello stile di L’incredibile Hulk dell’omonimo film d’azione. Nonostante le critiche, non esulta troppo in campo. “Stavo solo facendo il mio lavoro. Il postino ha festeggiato quando ha consegnato la lettera?” si è complimentato con lui con una citazione e un soprannome da postino durante un torneo di Twitter.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."