Il Nord Italia affronta la peggiore siccità degli ultimi 70 anni

Le regioni Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Veneto riceveranno un pacchetto finanziario di emergenza del valore di 36,5 milioni di euro. Questo per aiutare ad affrontare le situazioni di siccità e carenza d’acqua.

“Lo stato di emergenza è volto a gestire la situazione attuale con mezzi e forza straordinari”, si legge in un comunicato del governo italiano. Ha lo scopo principale di garantire la sicurezza pubblica, riparare i danni alla proprietà pubblica e privata e le normali condizioni di vita, ha affermato server Euronews.

La siccità, una delle peggiori degli ultimi 70 anni, sta minacciando anche oltre il 30 per cento della produzione agricola locale, ha riferito secondo inglese Il più grande sindacato degli agricoltori della BBC Coldiretti.

Finora, più di cento comuni e città hanno adottato una qualche forma di regolamentazione delle acque, tra cui Verona con una popolazione di un quarto di milione e Pisa con una popolazione di 90.000 abitanti.

La situazione nella valle del fiume Pá, che è il fiume più lungo del paese, resta critica. Non c’è stata quasi nessuna pioggia qui negli ultimi quattro mesi e le estati sono molto calde e secche. Inoltre, la pioggia adeguata non arriva nemmeno in primavera e in inverno.

Allo stesso tempo, è un luogo che produce fino al 40 per cento del volume di cibo dell’intero paese, inclusi riso e cereali. Anche fino alla metà degli animali da allevamento è a rischio. È nella valle del fiume più lungo d’Italia che si produce, tra l’altro, il prosciutto di Parma.

Inoltre, la caduta è stata fino a sette metri sotto la media, ha aggiunto Euronews. Tuttavia, anche il Lago Maggiore e il Lago di Garda sono alle prese con i bassi livelli delle acque.

La siccità ha anche un impatto sulle prestazioni dell’energia idroelettrica locale che continua a diminuire. Allo stesso tempo, le centrali elettriche, la maggior parte delle quali si trovano in zone montuose, forniscono fino al 20 per cento dell’energia per l’intero paese.

La dichiarazione di emergenza arriva appena un giorno dopo che almeno sette persone sono morte per il crollo di parte di un ghiacciaio nelle Alpi italiane. Secondo il primo ministro italiano Mario Draghi, è successo “senza dubbio” a causa del riscaldamento globale.

Carlita Monaldo

"Appassionato di caffè. Pensatore impenitente. Appassionato pioniere degli zombi. Difensore televisivo sottilmente affascinante. Orgoglioso esperto di web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.