Il museo dei sogni di ‘tiktokers’ e ‘instagrammer’ – Intrattenimento – Cultura

È un riflesso dell'”era 2020″ o un ritratto della generazione narcisista? A Stoccolma, l’ultimo dei cosiddetti Il “museo” dei selfie offre impostazioni colorate per i follower di Instagram e TikTok.

Presentata come una “esperienza interattiva per i social network”, la Lo Youseum (un gioco di parole tra ‘you’ e ‘museum’, in inglese), alla periferia della capitale svedese, non ha opere d’arte appese alle pareti bianche. E il prezzo del tuo biglietto (oltre $ 30) è più vicino a un parco a tema che a un museo convenzionale.

Qui, i visitatori vagano per stanze dai colori vivaci e dall’arredamento eccentrico, che hanno lo scopo di fornire un ambiente attraente per le foto e i video che i visitatori pubblicano sui loro social network.

Qui puoi scattare foto divertenti e creare fantastici contenuti per il tuo Instagram o Facebook. E se sono su TikTokhanno il posto perfetto per girare questo video di rete”, spiega Sofia Makiniemi, una delle persone responsabili del locale.

(Leggi anche: Quali sono i musei più visitati dai turisti in Italia?).

L’originale museo svedese, che non ha opere d’arte alle pareti, rinnova la tradizionale scrittura museografica e invita i suoi visitatori a essere “artisti ed espositori” allo stesso tempo.

Dietro c’è lo “spazio emoji”, pieno di palline blu e gialle che rappresentano le famose faccine sorridenti.

In una dozzina di altre stanze a tema, ci si può tuffare in una pozza di gomme da masticare che imitano caramelle in un’area ispirata alla Costa Azzurra, posare sotto luci al neon luminose o sedersi su un’altalena rosa gigante.

Museo Museo Youseum

“C’erano luci, musica TikTok, caramelle, tutte le cose che amavamo”, ricorda Zeneb Elmani, 18 anni, che ha visitato il luogo con un gruppo di amici. Gli studenti adorano il fatto che Youseum abbia un’atmosfera da “era degli anni ’20”.

(Potrebbe interessarti: il monumentale dono di Carlos Cruz-Díez a Bogotá).

“Oh mio Dio, è troppo dolce!” -Lei dice.

Situato in un centro commerciale, Youseum “è un museo interattivo dove puoi creare le opere d’arte che vuoi vedere”, ha detto Makiniemi.

Museo Museo Youseum

Dopo i primi due spazi lanciati nei Paesi Bassi dal colosso immobiliare commerciale Westfield, la Svezia è il secondo Paese ad ospitare.

Ha aperto a metà marzo nel polo aziendale di Solna, alla periferia di Stoccolma. Ci sono altri progetti annunciati in Germania oa Dubai.
L’era dei social network e dei suoi influencer è stata accompagnata da crescenti avvertimenti sui possibili rischi per la salute mentale degli adolescenti e dei giovani, in particolare delle ragazze.

“È una parte importante della nostra società di oggi. Allora perché non provare a renderlo più creativo?” difendere Makiniemi.

Le ragazze che hanno visitato il complesso quel giorno non hanno mostrato alcun motivo di preoccupazione.

“Trovo questo posto fantastico per le persone a cui piace scattare foto. È troppo carino qui dentro, Dio, è troppo carino! esclamò Chaymae Ouahchi, 18 anni.

Museo Museo Youseum

La giovane non si vede come un’influencer e insiste nel dire di essere “una persona molto riservata”.

(Inoltre: la scienza scopre le immagini nascoste dei dipinti di Picasso).

Le generazioni precedenti potrebbero sussultare quando sentono parlare di un luogo dedicato agli autoritratti con i telefoni cellulari descritto come un “museo”, o potrebbero dimettersi, come Bill Burgwinkle, un professore di 70 anni in visita a suo nipote.

“Penso che sia troppo tardi per preoccuparsi. Il mondo è quello che è oggi” e questo tipo di chiusura, finora impossibile, “sembra assolvere alla sua funzione”, assicura.

AFP / Stoccolma

Più notizie

– Carmen María Machado e la violenza lesbica.

– Alain Delon: la storia di una star che ha chiesto l’eutanasia.

– Carmen Maura, Premio Onorario di Platino per il Cinema Iberoamericano.

– Daddy Yankee ha cambiato la data di vendita dei biglietti in Colombia

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."