Il governo vuole che l’Italia faciliti il ​​processo di doppia cittadinanza per l’Argentina

Passaporto italiano, molto richiesto

Ministro dell’Interno, Eduardo “Wado” di Pedroincontrato a Roma con il suo compagno italiano, Luciana Lamorgesecon il quale analizza la possibilità che i paesi europei avanzano con passi per accelerare il processo di doppia cittadinanza per gli argentini che hanno antenati sulla terra.

Secondo la dichiarazione rilasciata dopo l’incontro dal portafoglio guidato da Lamorge, i due funzionari hanno subito esplorato il problema della legalizzazione del certificato di soggiorno in formato digitale presentato da un interessato nel comune italiano competente, uno dei passaggi necessari per provare l’ascendenza.

In questo caso, entrambe le autorità sono d’accordo “l’istituzione di un tavolo tecnico che saprà individuare, nel breve termine, soluzioni compatibili” con l’ordinamento giuridico romano.

“In un incontro con il mio collega italiano, Luciana Lamorgese, abbiamo discusso un’agenda comune. E abbiamo anche concordato un esempio di lavoro per facilitare la procedura per il cittadino argentino che è cittadino italiano”, ha detto De Pedro sul suo account Twitter.

Inoltre, il ministro ei suoi partner europei hanno discusso “diverse questioni di reciproco interesse nell’ambito dell’emergenza umanitaria legate al conflitto scoppiato in Ucraina a seguito dell’invasione delle forze armate russe”.

Il passaporto italiano è uno dei più preziosi al mondo, secondo Indice dei passaporti Henley & Partnersche valuta il numero di paesi verso i quali i cittadini di ciascun paese possono viaggiare senza dover richiedere il visto.

Eduardo “Wado” de Pedro con Luciana Lamorgese a Roma
Eduardo “Wado” de Pedro con Luciana Lamorgese a Roma

Nonostante negli ultimi anni si sia registrato un predominio crescente delle classifiche da parte dei paesi asiatici sviluppati, con crescente influenza l’Italia continua ad essere al terzo posto della graduatoria insieme a Finlandia, Lussemburgo, Spagna

Solo poche settimane fa c’è stato il crollo del Consolato italiano nella città di Rosario a causa delle tante domande pervenute per ottenere la cittadinanza. Lo stesso numero di persone che richiedevano la doppia cittadinanza in un anno ora lo fanno ogni mese.

«La situazione a Rosario è molto grave», spiega Franco Tirelli del Comitato per gli italiani all’estero.

In precedenza, l’elaborazione della cittadinanza richiedeva dai due ai tre anni; è un normale timeout. Ma negli ultimi due anni, l’ansia della società, soprattutto dei giovani tra i 20 ei 30 anni, di cercare nuovi orizzonti, complicando le cose e nemmeno più una scadenza. Molte procedure non possono nemmeno essere inserite.

Senza console da dicembre, senza ragioniere per cinque anni e con solo dieci dipendenti, il Consolato d’Italia a Rosario non poteva farcela. Con questa struttura deve rispondere alle esigenze di una regione che comprende sette province e un potenziale di due milioni di persone in condizione di amministrare la cittadinanza.

Da due anni il turno è sospeso, ma non può nemmeno terminare con tra le 20.000 e le 30.000 procedure già avviate prima della pandemia. E ora diverse migliaia di altri argentini sono interessati ad entrare nella nuova cartella. Inoltre nessuna prenotazione per il rinnovo del passaporto italiano.

Intanto, per abbreviare il percorso di fronte a tante difficoltà, centinaia di persone di Rosario hanno deciso di sottoporsi a un intervento faccia a faccia in Italia. Ma ciò che normalmente richiederebbe diversi mesi è ora complicato da una richiesta straordinaria dell’Argentina (così come del Brasile) di elaborare la cittadinanza direttamente nel comune.

CONTINUA A LEGGERE:

L’Argentina partecipa a FIDAE/22, la più importante fiera aerospaziale del continente
Axel Kicillof ha meno probabilità di dividere le elezioni del 2023 perché crede che Cristina Kirchner sarà la candidata.
Crisi politica: Alberto Fernández sceglie silenzio e gestione come unica risposta alle critiche di Cristina Kirchner

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.