Il diavolo torna al Parlamento italiano | Internazionale

Clemente Mastella è un personaggio quasi mitologico nella politica italiana. Oggi potrebbe sembrare proprio il sindaco di Benevento, un piccolo paese della Campania. Ma è stato anche ministro nel governo di Romano Prodi e Silvio Berlusconi, i cospiratori che hanno minato il primo e, soprattutto, vivido lampo dell’ultimo sconvolgimento della Democrazia Cristiana (Dc). Dalla parte più decadente. Torna Clemente Mastella, che si definisce un “passante politico”. O non andartene mai, disse. Ora, con la moglie e in mezzo al caos, ha il compito di riunire il gruppo di senatori che avrebbero dovuto sostituire al Senato il 18esimo legislatore di Matteo Renzi affinché l’esecutivo Giuseppe Conte possa andare avanti. La nuova maionese parlamentare che impedirà le dimissioni del presidente del Consiglio avrà nomi di Forza Italia, di gruppi misti e anche del partito di Renzi. In Italia sono chiamati “responsabili”. Palazzo del Quirinale suggerì “costruttori”. Altrove nel mondo sono traditori: la chiave della politica italiana degli ultimi decenni.

Il rinato Mastella, a cui parteciperà anche Isola famosaRilascia interviste tutto il tempo. Noto per essere importante. Ma ancor di più perché spiega il modo in cui è stata condotta la politica italiana negli ultimi decenni. Non importa se i resoconti storici insistono nel classificare il periodo in termini seri come Prima, Seconda o Terza Repubblica. Quella modus operandi oggi è lo stesso uomo che ha servito Giulio Andreotti a perpetuarsi sette volte presidente del Consiglio o Silvio Berlusconi a salire a quattro presidenti di Consiglio, nonostante tutti gli scandali. Renzi assumerà 18 senatori e dovrà trovare almeno due settimane per superare di poco i 161 senatori. Fino all’ultimo, se qualcuno ha qualcosa da offrire prima di lunedì, quando Conte sta per consegnare il voto di fiducia (martedì al Senato), tutto può succedere a Palazzo Madama, sede del Senato. Questa è l’ora dei professionisti del corridoio, dei personaggi dimenticati. E per l’occasione il Parlamento italiano si prepara a rilasciare una buona vetreria. “Si può formare un nuovo gruppo”, sussurrò al telefono uno dei prescelti.

L’Italia ha avuto 67 governi e trenta diversi primi ministri dalla fine della seconda guerra mondiale. Il legislatore sta per mettere in orbita un terzo e, se nulla risolverà, il suo presidente del Consiglio sarà rieletto per la settima volta consecutiva senza votazione (l’ultimo a ottenere quella legittimità è stato Berlusconi nel 2008). Ci sono molte ragioni. Forse l’origine era la paura del ritorno di un mostro come quello di Mussolini. Il clientelismo era un sistema politico perfettamente bicamerale che, di fatto, sfociava in blocco e instabilità (Renzi voleva liquidarlo con le sue riforme fallite). La promiscuità tra le parti e la tendenza a trovare un accordo da parte degli italiani, agli antipodi del carattere spagnolo, peggiorarono ulteriormente le cose.

La volatilità, tuttavia, è cresciuta negli ultimi anni. L’instabilità della cosiddetta Prima Repubblica (dal 1948 al 1994) è un’illusione ottica. Governò la DC e tentò patti e divisioni, ricorda il politologo e saggista Giovanni Orsina. La crisi dei partiti politici nei primi anni ’90 è stata accompagnata da uno scandalo per corruzione tangentopoli, che ha fatto cadere primi ministri come Bettino Craxi. La struttura che teneva in piedi il Paese fu fatta saltare in aria e sostituita da Berlusconi. «E Berlusconi è l’uomo che ha fatto il sistema politico, perché ha costruito la destra intorno a lui e la sinistra contro di lui. Dopo quello schema, sono rimaste solo parti del partito, nessun centro. Crisi lusconismo lasciare l’Italia senza un partito, senza lo stesso Berlusconi e con creature strane e instabili come il Movimento 5 Stelle, un partito che rifiuta l’organizzazione, la gerarchia del partito e ha i comici ai vertici. Aggiungi tutto e ottieni l’attuale sistema politico italiano che praticamente non esiste più. E puoi fare una cosa e viceversa. Se nessuna logica è possibile, rimangono solo gli obiettivi personali”, ha sottolineato.

Riccardo Nencini è un altro personaggio che difficilmente suona familiare a nessuno, ma che oggi dovrebbe prestare attenzione. Nelle ultime elezioni si è presentato con il marchio ormai estinto del Partito Socialista Italiano. Non raggiunse il minimo di formazione per entrare in Senato, sebbene ottenne un seggio apparentemente sterile. Ma tutto nella politica italiana può essere sfruttato. Renzi stava cercando un simbolo quando due anni fa si è separato dal Pd per un gruppo in fuga di legislatori sotto il suo nuovo marchio Italia Viva. La telecamera è obbligata a farlo nel quadro giuridico presentato per le elezioni. In caso contrario, è ora di andare in un gruppo misto. E ora Nencini, che nessuno ricorda, stava pensando di entrare a far parte dei responsabili e forse avrebbe preso il suo comando e avrebbe lasciato il partito di Renzi senza ombrello al Senato. Questo è stato il suo momento di gloria: “Tranne Obama e Tony Blair, credo che a quest’ora tutti mi abbiano chiamato. Mi sento come Ulisse sulla sua nave, tra le tempeste, ma con coerenza socialista ci dirigiamo a Itaca”. L’isola greca oggi sarà un ricordo del passato.

Unisciti a EL PAÍS per tenerti aggiornato su tutte le notizie e letture illimitate.

cliente

ultimo erede

Giuseppe Conte è l’ultimo erede della Democrazia Cristiana. Il Presidente del Consiglio, un professore di diritto che può governare sia con la destra che con i socialdemocratici, sa che resistere e aspettare con pazienza è vittoria. Ora ha l’appoggio dei due principali partiti della coalizione di governo – il Movimento 5 Stelle e la Democrazia – e con il coinvolgimento totale del resto della grande Democrazia Cristiana: il Presidente Repubblicano Sergio Mattarella. Lui stesso ha chiamato. E nei corridoi del Senato iniziavano le riunioni, gli appuntamenti e persino le conversazioni registrate di chi aveva qualcosa da offrire per non essere tradito all’ultimo momento.

Nelle prossime ore, fino a quando Conte non sottoporrà la sua posizione al voto del Cda e verificherà se la sua strategia funziona, l’Italia romperà la sua vecchia abitudine. Vedremo anche il ritorno di personaggi come Silvio Berlusconi, che non perderà occasione per approfittare di possibili endorsement (tra il 2006 e il 2008 è stato condannato in primo grado per aver pagato tre milioni di euro per la corruzione di un senatore e il rovesciamento di programma di studio del governo). Sostieni anche gli attori politici, che in cambio di nuove giacche, godranno nelle prossime settimane, se il piano funzionerà, di incarichi o privilegi ministeriali. E tutto questo, patrocinato dal Movimento 5 Stelle, il partito che ha vinto le elezioni con il 33% di casta cantando, chiedendo un cambio di tempi e impegnandosi a non essere mai d’accordo con i vecchi partiti (già fatto con quasi tutti). . Il solito Gatopardo, che tutto cambierà perché tutto rimanga uguale.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.