Guerra Ucraina – Russia: oggi last minute, live | Putin avverte la Finlandia e taglia il gas

Entra in scena la Georgia

L’Ossezia del Sud, una regione separatista russa situata nel nord della Georgia, ha annunciato venerdì che terrà a referendum il 17 luglio circa la sua integrazione in Russia, come annunciato da un membro dell’ex presidente della regione, Anatoli Bibílov. L’ex presidente “ha firmato un decreto sullo svolgimento di un referendum nella repubblica dell’Ossezia del Sud”, ha affermato il suo ufficio in una nota, in cui si parla anche delle “aspirazioni storiche” dell’Ossezia meridionale di unirsi alla Russia, che confina con essa. “Andiamo a casa”Bibilov ha detto in un messaggio di Telegram, in cui lo ha anche affermato Ossezia del Sud e Russia saranno insieme e che “questo è l’inizio di una nuova grande storia”.

Ma l’attuale ed eletto presidente della regione, Alan Gagloyev, ha messo in discussione questo sabato l’appello annunciato dall’ufficio di Bibílov. Gagloyev ha spiegato che il trattato che regola le relazioni tra la sua regione e la Russia da quando il Cremlino ha riconosciuto l’indipendenza dell’Ossezia del Sud nel 2008 in seguito alla guerra con la Georgia stabilisce coordinare la sua politica estera.

“Le domande sorgono. Anatoli Bibílov rispetta i termini dell’accordo, approvare la sua decisione con le autorità competenti della Federazione Russa?”, ha sottolineato, e ha accusato il presidente uscente di non averlo consultato sull’annuncio del referendum. Pur sostenendo la riunificazione degli osseti in Russia, ha avvertito che il referendum di luglio potrebbe subire la stessa sorte di quello tenutosi nel 1992 dopo la caduta dell’Unione Sovietica.

In quell’occasione, il 98% di Suroset ha sostenuto l’integrazione nella Federazione Russama non ha effetti giuridici vincolanti. Dal 2008 la regione è un protettorato russo, dove Mosca ha una base militare e il cui budget dipende per il 90% dalle casse dello Stato russo. La Georgia considera il referendum illegittimo e “inaccettabile”, ma il Cremlino ha affermato che rispetterà la volontà del popolo dell’Ossezia meridionale.

Consultazione coordinata con la Russia

Non è che Gagloyev sia contrario all’integrazione con la Russia. Quello che vuole il presidente eletto è coordinare il referendum con la Russia e non farlo in modo indipendente. Pochi giorni prima di interrogare l’ex presidente, Gaglóyev ha spiegato il problema dell’integrazione in Russia: “Non si tratta di unificazione, ma di meccanismo. Lo comprendiamo perfettamente in questa situazione non tutto dipende dall’Ossezia del Sud. In tal caso, ogni passaggio deve essere concordato”.

Infatti, Gagloyev ha spiegato all’agenzia russa TASS che “appena abbiamo ricevuto il segnale, appena abbiamo capito che era giunto il momento, Sicuramente il referendum si terrà”.. L’Ossezia del Sud spera che la Russia dia il via libera per condurre il sondaggio.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."