Gli Stati Uniti promettono all’Ucraina il ritorno di nuovi diplomatici e aiuti militari

Saranno senza dubbio necessari decenni per neutralizzare le migliaia di ordigni esplosivi ancora attivi che sono stati scaricati in quasi metà dell’Ucraina, hanno avvertito gli specialisti due mesi dopo l’inizio dell’invasione russa.

“Ci vorranno 50 anni per minarle tutte”, ha detto Perrine Benoist, direttrice della riduzione della violenza armata per l’ONG Handicap International, osservando che “stiamo ancora disinnestando le mine in Laos, Cambogia e Vietnam, da 50 a 60 anni dopo. “

“Uccisioni e mutilazioni continueranno a lungo dopo la fine della guerra”, ha affermato Steve Goose, direttore delle armi di Human Rights Watch. “Sarà questione di anni, se non decenni, per ripulire tutto”.

Quasi la metà dell’area contaminata da ordigni esplosivi

Più di 300.000 km² di Ucraina, quasi la metà del territorio del Paese, è contaminata da esplosivi, ha affermato By Bondar, capo del servizio minerario della sicurezza civile ucraina.

Ha spiegato che il suo servizio minerario ha rimosso dall’inizio della guerra più di 72.000 munizioni, comprese più di 2.000 bombe di diverso calibro, per un totale di 130 km². Gli sforzi attuali si concentrano sulla regione di Kiev.

Le mine antiuomo russe POM-3, chiamate anche “Medals”, sono state utilizzate in questo conflitto, secondo Human Rights Watch (HRW). Scoperte per la prima volta il 28 marzo da demiseers ucraini, queste mine “possono uccidere e ferire indiscriminatamente chiunque entro un raggio di circa 16 metri”, ha spiegato la Ong in un rapporto.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.