Gli scienziati spiegano come lavorare da casa può ridurre l’emicrania

Lavorare da casa può migliorare la qualità della vita delle persone con emicrania, affermano gli scienziati tedeschi.

Uno studio di esperti italiani a cui hanno partecipato persone con emicrania ha mostrato che durante la pandemia, quando lavoravano da casa, le loro emicranie erano più brevi, meno intense e richiedevano dosi di farmaci inferiori. Hanno spiegato che era in parte dovuto al fatto che gli stessi attacchi di emicrania non sono durati a lungo.

“Abbiamo ipotizzato che i suddetti aumenti potessero essere correlati alla distanza dal lavoro e allo stress, nonché alla possibilità di perdere tempo in modi diversi”, hanno affermato gli autori dello studio i cui risultati sono stati pubblicati ad agosto sulla rivista Neurological. Conoscenza.

“Precedenti ricerche hanno dimostrato che l’orario di lavoro flessibile è la parte migliore del telelavoro perché consente alle persone di lavorare in base alle proprie esigenze e ai propri bioritmi”, hanno affermato gli scienziati.

È particolarmente importante per le persone che soffrono di emicrania e lavorano da casa evitare l’esposizione a fattori che possono intensificare e prolungare gli attacchi di emicrania.

A seguito dei risultati di uno studio in Italia, l’Associazione tedesca dei neurologi DGN ha dimostrato che è risaputo che lo stress e il rumore sono forti fattori scatenanti dell’emicrania.

Entrambi sono impossibili da evitare, soprattutto se le persone lavorano in open office.

Se le persone che soffrono di emicrania sono in grado di smettere di lavorare e riposare all’inizio dello sviluppo dell’emicrania, ciò può contribuire a ridurre l’intensità e la durata del dolore, riferisce Index.hr.

Questo modo di lavorare, anche se i tassi di infezione diminuiscono, può essere di grande aiuto per tutti coloro che soffrono di emicrania, secondo il neurologo DGN.

Tag


Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.