Gli ex slavi hanno elogiato la mossa estiva! Cavalcherò in Italia, disse Winter

“Penso che i cinque mesi siano andati bene. Non so se avevo aspettative particolari. Sono venuto in Italia per crescere, per giocare una delle migliori competizioni al mondo. Questa è la mia più grande motivazione”, ha detto Zima, 21 anni , partito in estate dagli Slavi per Torino.

Senti che correrai a Torino?

Non ho confronti sulla scena internazionale, solo per quanto riguarda squadra e campionato italiano. Quindi non posso dirlo in modo completamente oggettivo. Ma soggettivamente, credo proprio di sì.

Hai il rispetto della Serie A? Non hai paura che sia un grande salto per te?

Non ho colto l’occasione di giocare nel campionato italiano dal punto di vista che era la competizione dei campioni d’Europa in carica. Naturalmente, la maggior parte dei giocatori che hanno vinto gli Europei sono nei club di Serie A. Creano una qualità mista con giocatori di altre nazioni.

Allora, come ti ha impressionato la Serie A?

Non c’è assolutamente nessuna rottura tra virgolette qui. Come a volte hanno fatto le migliori squadre del campionato ceco, quando i loro avversari segnano due o tre gol velocemente e poi finiscono la partita. La serie A è molto equilibrata, chiunque può cambiare tutti. Di recente, ad esempio, lo Spezia ha vinto al San Sir sul Milan. Le differenze tra i giocatori sono minime, a seconda di come si prepara la squadra, in che forma. Certo ci sono squadre come Inter, Milan, Juventus, la cui qualità è ancora un po’ più alta rispetto ad altri campionati. Col tempo, per me è diventato molto normale poter fare grandi cose in campo. Lo trovo letteralmente in ogni sessione di allenamento.

Quanto sei soddisfatto del carico del gioco? Finora hai collezionato 12 titolari in campionato.

Sono felice per ogni opportunità che ricevo dall’allenatore. O nella formazione titolare o anche se riesco a centrare una parte della partita. La competizione a Torino è enorme. A volte si scopre che guido regolarmente, a volte non gioco. Ma poi di nuovo, se non giochi, puoi lavorare di più su te stesso. Metti in pratica le cose di cui hai bisogno.

Elogia la collaborazione a lungo termine con l’allenatore Jurič. Grazie al suo approccio di mentalità aperta, sapevi che prima o poi avrai un’altra possibilità?

Decisamente sì. L’allenatore aderisce alla filosofia che la squadra non è composta da undici giocatori, ma non tutti. Quindi dovremmo essere tutti uguali quando si tratta di abitudini di gioco. Dobbiamo seguire le istruzioni della lettera. Quindi se qualcuno lascia la formazione, sarà sostituito da un giocatore della stessa qualità.

Foto: Fabio Ferrari, CTK/AP

Il calciatore ceco David Zima (a destra)Foto: Fabio Ferrari, CTK/AP

Come vivi al nord Italia fuori dallo stadio?

Gli italiani stanno bene. Vivo a Torino quasi come a Praga. Ci è voluto un po’ per imparare un po’ di lingua, ora va bene. È più come se fossi ancora solo a Torino. I genitori vanno ogni due mesi durante la settimana quando hanno del tempo libero.

Ma ancora una volta, sei costretto a usare solo l’italiano, il che è un possibile vantaggio.

L’italiano non è affatto una lingua difficile. All’inizio è stato difficile, ma ho già una base, sono d’accordo. Non è completamente al di sopra, quando spiego qualcosa, è meglio che passi all’inglese. Anche se non sono bravo nemmeno qui, è comunque abbastanza bravo per esprimere ciò di cui ho bisogno.

Di recente hai rilasciato un’intervista alla televisione locale in italiano. E i risultati sono molto buoni.

Uso le frasi che pronuncio la maggior parte del tempo. Non ci ho nemmeno pensato. Come quando rilasci un’intervista in TV nella Repubblica Ceca. Hai anche imparato alcune frasi che ripeti più e più volte. Questo è qualcosa di simile in italiano. Come volevo dire, questo è un po’ un problema.

I tuoi compagni di squadra e i tuoi cari ti apprezzano?

Ho ricevuto un feedback positivo da loro. Non so cosa fanno sui social network. Non ci vado molto.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.