Elezioni presidenziali in Italia, più importanti del solito

Ci sono molte ragioni che rendono nuovamente interessanti le elezioni presidenziali in Italia. Ma a nessuno piace la nomination Silvio Berlusconiche dopo aver presieduto quattro governi e con alle spalle alcune condanne giudiziarie, torna sulla scena politica pronto a tutto.

È vero che le opzioni sono poche, anche se la vera domanda è se i diversi partiti in Parlamento abbiano ancora bisogno dell’ex presidente del Consiglio in un modo o nell’altro.

La presenza continua di Berlusconi non significa nulla per la politica italiana“, ha spiegato il Preside della LUISS School of Government, Giovanni Orsina. “In altre parole, ci dice che la politica è incapace di rinnovarsi e mostra che è completamente destrutturata. Le istituzioni di questo Stato sono incapaci di formare una nuova classe di leader politici”.

Anche Orsina ricorda come”Berlusconi vuole chiudere la sua carriera politica con un applauso, avere tutto il Paese al suo fianco è disposto a riconoscerne l’importanza e non c’è modo migliore per farlo che essere eletto presidente dell’Italia”.

A differenza delle precedenti elezioni, questa volta la posta in gioco sembra alta, come lei stesso ci ha ricordato. Francesco Clementidocente di Diritto pubblico comparato all’Università di Perugia: “Questa volta sapremo chi sarà il prossimo presidente del Consiglio e chi sarà incaricato di lanciare il programma NextGenerationEU. Ma queste elezioni aiuteranno anche il Paese a uscire dalla pandemia come il prima possibile, e anche quello riorganizzazione generale dei partiti politici in vista delle elezioni generali del 2023.

Clementi ha anche sottolineato che “c’è un altro aspetto che fa la differenza tra questa elezione e la precedente, ed è il fatto che questa volta avrà un impatto sull’intera Europa. Ciò che verrà deciso a Roma avrà un impatto a Bruxelles, Parigi e Londra”.

Italia, sottoscrivi l’instabilità

La credibilità internazionale e il prestigio di Mario Draghi lo fecero un candidato forte alla presidenza, anche se poi si sarebbe presentato un nuovo problema: trovarlo un degno successore come primo ministro.

“Visto quello che è successo, credo sia molto probabile che Draghi sarà costretto a rimanere al suo posto”, ha detto Clementi. “Sarebbe più facile trovare un accordo su un nuovo presidente che trovare un secondo Draghi per sostituire il primo Draghi”.

L’Italia è nota per la sua instabilità politica e, a un anno dalle prossime elezioni generali, i timori di una nuova crisi di governo sono inevitabili.

“Né una crisi di governo né elezioni anticipate possono essere escluse”, ha ammesso Orsina. “Sono uno di quelli che crede che le elezioni anticipate non saranno così disastrose come pensa la maggior parte della gente. Non lo escluderei anche se è uno scenario meno probabile. L’Italia è sempre stata instabile da questo punto di vista, ma sapere come gestirne l’instabilità. Alla fine ha sempre trovato una soluzione. Lo ha sempre fatto”.

Una cosa è certa: chiunque diventi il ​​prossimo presidente d’Italia, la campagna elettorale sarà presto in pieno svolgimento, con lotte politiche potrebbe minacciare l’attuazione delle riforme che il paese impiega molto tempo per ottenere fondi dall’Unione Europea che può utilizzare per salvare la sua economia.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.