Draghi a Biden: “Putin pensa di poterci dividere. Aveva torto” | Internazionale

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha incontrato martedì alla Casa Bianca il presidente Joe Biden. L’invasione russa dell’Ucraina ha concentrato i colloqui, secondo una dichiarazione rilasciata a fine giornata dal governo degli Stati Uniti. Prima di iniziare l’incontro, Draghi ha esortato Biden a iniziare a lavorare sui negoziati per raggiungere un processo di pace duraturo in Ucraina, anche se le sanzioni non sono state revocate. “La guerra ci ha avvicinato. [Vladímir] Putin pensa di poterci dividere. Si sbagliava”, ha aggiunto a proposito dei rapporti tra i due Paesi.

L’incontro si è svolto a porte chiuse per più di un’ora. Tanto per cominciare, Biden e Draghi hanno mostrato la loro armonia davanti ai giornalisti alla Casa Bianca. “Sei stato un grande amico e un grande alleato”, ha detto il primo, che ha aggiunto di aver visto in questa visita un’opportunità per ripagare l’“ospitalità” data a Roma dal primo, durante il vertice del G20 dello scorso ottobre.

“Il nostro legame sarà sempre forte. Continueremo a lavorare su energia e resilienza, in particolare sulla sicurezza alimentare. Questo conflitto ha portato cambiamenti drastici nell’Unione Europea”, ha sottolineato il Presidente del Consiglio italiano. Al che il presidente Usa ha risposto: “Un’Europa forte è nell’interesse degli Stati Uniti. Fa bene a tutti”.

“Di fronte alle sfide dell’economia globale create dalle azioni della Russia, [ambos líderes] hanno discusso le misure volte a promuovere la sicurezza alimentare e a rimodellare i mercati energetici globali”, si legge nella dichiarazione della Casa Bianca. Si sono inoltre impegnati a lavorare insieme su altre sfide, come una via d’uscita sicura dalla pandemia o la lotta ai cambiamenti climatici. E hanno parlato di “sfide di politica estera comuni, comprese Cina e Libia”.

Dall’inizio dell’invasione, il filo-europeo Draghi, che è stato presidente della Banca centrale europea (2011-2019) e ha preso il controllo del governo di unità nazionale in Italia lo scorso anno, ha chiesto un maggiore coordinamento da parte dell’Unione Europea su varie questioni . difesa e politica estera, al punto da non escludere un ripensamento del trattato alla luce dei recenti avvenimenti.

Unisciti a EL PAÍS per essere aggiornato su tutte le notizie e letture illimitate.

cliente

La sua visita a Washington arriva in un momento interno difficile per il primo ministro. Mentre Draghi sta promuovendo un aumento degli articoli della Difesa al 2% del PIL, come concordato dai paesi della NATO, i leader della coalizione che guida hanno espresso la loro crescente disapprovazione per la politica intransigente adottata per le forniture militari all’Ucraina.

Giuseppe Conte, capo del Movimento 5 Stelle, il partito con il maggior numero di seggi, gli ha chiesto di cercare una soluzione diplomatica alla guerra piuttosto che inviare “armi più pesanti e più letali”. Conte ha chiesto senza successo la presenza di Draghi al Parlamento italiano per chiarire con quali intenzioni ha compiuto la sua visita a Biden. Lo ha detto lunedì il leader del Pd Enrico Letta in un’intervista a Corriere della Sera che l’Europa “non dovrebbe lasciare che gli Stati Uniti lo gestiscano”.

Draghi completerà la sua missione a Washington con una visita al presidente della Camera Nancy Pelosi a Capitol Hill mercoledì. Il premier italiano ha concordato con Biden di riprendere i colloqui al vertice del G7 in Germania e al vertice della Nato a Madrid, entrambi a giugno.

Pelosi ha anche visitato la Casa Bianca questo martedì per condividere con Biden i dettagli dell’incontro “lungo e dettagliato” che ha tenuto il 1 maggio con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky a Kiev. In esso, come ha spiegato Pelosi ai giornalisti, si è discusso di “sicurezza, sanzioni e assistenza umanitaria e diplomatica”.

Iscriviti qui alla newsletter di EL PAÍS América e ricevi tutte le informazioni importanti sull’attualità nella regione.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.