Di Mariupol non resta nulla, solo rovine

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che di Mariupol non è rimasto nulla, mentre Kiev ha chiesto a Mosca di consentire ai civili di fuggire dalla città assediata.

“Non c’è più niente lì. Solo rovine”, ha detto Vladimir Zelenski in un discorso video al parlamento italiano, riporta la BBC.

Mariupol, il principale obiettivo strategico di Mosca, ha resistito per settimane ai bombardamenti russi. I funzionari affermano che i residenti sono lasciati senza cibo, medicine, elettricità o acqua potabile.

Come ha osservato Zelenski, i funzionari di Mariupol hanno affermato che le forze russe hanno sganciato due grandi bombe sulla città, ma non hanno fornito dettagli su vittime o danni.

“Ancora una volta, è chiaro che gli invasori non sono interessati a Mariupol. “Vogliono appiattirlo a terra e farne le ceneri”, hanno detto.

La Russia nega di prendere di mira i civili.

In precedenza, il vice primo ministro ucraino, Irina Vereshchuk, ha ripetuto gli appelli per l’apertura di un corridoio umanitario che consenta ai civili di andarsene.

Ha poi detto che almeno 100.000 persone volevano andarsene, ma non potevano.

L’Ucraina lunedì ha respinto un ultimatum per la consegna della città come condizione affinché le truppe russe lascino partire sani e salvi i civili.

Segui gli eventi in Ucraina sul nostro LIVE BLOG e sulla pagina WAR IN UKRAINE.

Tag


Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.