Decisione drastica del G7 con la Russia

Gli Stati Uniti, la Germania, il Canada, la Francia, l’Italia, il Giappone e il Regno Unito, le potenze che compongono il G7, hanno rassicurato questa domenica in una dichiarazione che elimineranno “gradualmente” la dipendenza energetica dalla Russia e aumenteranno le sanzioni contro Mosca: “ Ci impegniamo a rimuovere la nostra dipendenza dall’energia russacompresa la rimozione o il divieto delle importazioni di petrolio russo”.

Il G7, gruppo di Paesi dal grande potere politico, economico e militare, ha chiarito che avverrà una transizione”pulito” affinché il governo possa trovare fonti alternative di approvvigionamento energetico alla Russia.

Questa dichiarazione di intenti è arrivata dopo i paesi dell’Unione Europea (UE) incapace di raggiungere un accordo questa domenica per vietare le importazioni di petrolio dalla Russia dalle difficoltà che alcuni partner pongono a causa della loro dipendenza dal greggio di Mosca. Il rifiuto dell’Ungheria di cancellare il blocco petrolifero russo è, per ora, il sesto pacchetto di sanzioni dell’UE contro la Russia. I paesi più dipendenti dalla domanda di greggio del Cremlino hanno più tempo e investimenti in infrastrutture.

La riunione del G7 si è tenuta virtualmente e ha visto la partecipazione del presidente dell’Ucraina, Volodímir Zelenski. Ancora una volta, Zelensky ha spiegato che il suo Paese si affida ai suoi partner internazionali, in particolare al G7, per raggiungere i suoi obiettivi sufficienti risorse militari e per la ripresa dell’economia ucraina dopo la devastazione della guerra, secondo la Casa Bianca. I leader del G7 hanno riaffermato il loro impegno per la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina, nonché la sua lotta per un futuro prospero e democratico.

Nuove sanzioni Usa contro la Russia

Dopo l’incontro, gli Stati Uniti avevano annunciato sanzioni contro 27 direttori della banca russa Gazprombankche è il canale principale utilizzato dagli Stati membri dell’Unione Europea (UE) per acquistare gas dalla Russia, nonché una nuova azione contro le reti televisive russe Channel One, Rossiya e NTV, contro il produttore di armi Promtekhnologiya e contro sette compagnie di navigazione. Gli Stati Uniti, che dipendono molto meno dell’Europa dall’energia russa, avevano annunciato a marzo il divieto di importazione di petrolio, gas e carbone dalla Russia.

“Nessuna compagnia americana dovrebbe essere coinvolta nel finanziamento della propaganda russa”, ha detto un alto funzionario della Casa Bianca che ha chiesto l’anonimato. Allo stesso modo, Washington proibisce “servizi di auditing, gestione, consulenza, marketing, tutti i servizi utilizzati per gestire le società multinazionali, ma anche potenzialmente per eludere le sanzioni o nascondere la ricchezza ottenuta dal crimine”, ha affermato la stessa fonte.

Inoltre, il G7 ha chiarito nella sua dichiarazione che le azioni del presidente russo, Vladimir Putin, hanno portato “Vergogna per la Russia e il sacrificio storico del suo popolo”. “La Russia ha violato l’ordine internazionale basato sulle regole, in particolare la Carta delle Nazioni Unite, che è stata redatta dopo la seconda guerra mondiale per salvare la prossima generazione dal flagello della guerra”.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.