Dalla Seconda Guerra Mondiale alle Malvinas: la sconvolgente testimonianza dei “Due Guerrieri”

Angela Pradelli. Prove di due guerre.

Pietro Freschi, italiano nato a Bruni nel 1922, e Héctor Roldán, argentino di Santa Fe nel 1962, sono separati da mezzo secolo e migliaia di chilometri. Ma hanno qualcosa che li unisce: la guerra. Nella seconda guerra mondiale e nella guerra delle Malvinas furono soldati e testimoni e, dopo pochi anni, testimoni. due soldati, di ngela Pradelli, è una vivida cronaca e raccoglie testimonianze in prima persona della malattia e dei suoi segni traumatici e indelebili. Un libro che racconta il passato ma si rassegna al presente.

Ecco un estratto da due soldati:

Pietro Freschi Soldato italiano della seconda guerra mondiale (Bruni, 1922 – Piacenza, 2009).

Ho la caserma 3 A/PM G, prigionieri di guerra. Stampano la sigla sulle nostre maniche. Pochi giorni dopo, un funzionario russo ha radunato tutti noi italiani e ci ha detto che avremmo girato la campagna. Per prima cosa siamo andati nella prigione, era una stanza molto grande dove portavano i prigionieri per torturarli brutalmente. Poi siamo andati nella zona del crematorio, ce n’erano sei. Ci sono ancora scheletri bruciati in tutti i forni. Poi siamo stati portati in un magazzino dove c’erano pile di vestiti, abbiamo visto i pantaloncini e i cappotti dei bambini molto piccoli.

Nelle vicinanze, una grande montagna di scarpe per adulti e, accanto, un’altra montagna di scarpe per bambini piccoli. Il sadismo che la Germania aveva con quei piccoli innocenti era incomprensibile. Non potevo sopportarlo e ho pianto, come hanno fatto gli altri prigionieri. Era insopportabile vedere tutto questo. Di cosa sono colpevoli i bambini? Lì abbiamo visto di tutto: occhiali, capelli, borse e valigette, tante foto, denti e protesi. Abbiamo lasciato il posto scossi dalle foto. Credimi, quello che ho visto lì non lo dimenticherò per il resto della mia vita. Il tempo passava e non c’era nessuna notizia del mio ritorno in Italia. Un giorno un ufficiale russo ci venne incontro in una piazza e ci diede notizie della guerra. Ma quando gli abbiamo chiesto di tornare a casa ci ha detto che ancora non sa nulla di rimpatrio.

Dolore e orrore in due guerre
Dolore e orrore in due guerre

Héctor Roldán (Santa Rosa de Calchini, dipartimento di Garay, Santa Fe, Argentina, 1962)

Più degli inglesi e delle loro bombe, i veri nemici erano la fame e il freddo, che era molto umido. Quando ti siedi da qualche parte, ti bagni. Certe notti in cui vedevamo che non era successo niente, solo le guardie restavano sveglie e noi lasciavamo le nostre postazioni e, con tutti i vestiti bagnati, ci infilavamo nei sacchi a pelo e dormivamo rannicchiati tra le rocce o nei rifugi.

Il freddo ti colpisce. Ci sono soldati che soffrono di “piede da trincea”. Con tutto il corpo bagnato, i loro piedi divennero così freddi che diventarono viola, il loro sangue non circolava più e non potevano sentirlo. Quelli con cancrena vengono portati in un ospedale o in ospedale e si tagliano le dita. Crediamo ancora che il sollievo possa arrivare e ogni giorno abbiamo la stessa conversazione. Ci siamo chiesti chi fossero, cosa avremmo detto loro e questo ci ha reso felici. Ma i giorni passavano e il sollievo non arrivava ed eravamo in pessime condizioni, stavamo molto male, fisicamente peggioravamo e moralmente ci prendevano gioco, come si suol dire. Sinchicay ed io provenivamo dalla stessa compagnia, Nácar, ma a Malvinas non stavamo insieme.

Era a Mount Williams, a circa trecento metri a sinistra del Mount Tumbledown. Era un uomo grosso e forte del Chaco, che aveva i denti anteriori scheggiati ed era molto evidente perché rideva sempre. Va bene, ingenuo. Non ha perso il sorriso anche quando l’hanno beccato, povero Sinchicay. Aveva rubato una lattina di Cornedbeef al caporale Lama, che era il capo del gruppo. Riuscì a mangiarlo e fece anche a pezzi il suo amico, ma dovette fuggire al lato della casa gialla o in città, perché il Lama lo trovò e ordinò loro di cercarlo.

CONTINUA A LEGGERE

Malvinas che visse e tornò per scriverlo: 3 veterani che in un libro hanno raccontato storie di guerra
La narrativa di Malvinas: una produzione che spicca, anche sotto una coltre di nebbia

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.