Dai un’occhiata a otto dei più bei piloti del campionato di Formula W Series. Tra questi c’è la bellezza ceca Bábíčková

Il capo della Mercedes Toto Wolff non porta un tovagliolo durante il briefing del GP del Canada. Ha descritto l’altro cast come irrispettoso e patetico, e tutti sono stati filmati da Netflix, che avrebbe materiale molto interessante per la serie Drive to Survive. I capi delle squadre Ferrari e Red Bull sono stati poi raggiunti da Wolff.

Dopo il Gran Premio dell’Azerbaigian, le squadre hanno avuto un dibattito molto significativo sulla sicurezza e la salute dei loro piloti. E questo è, ovviamente, come parte di ciò che può far diventare un pilota un pilota, o un salto con il monoposto in linea retta.

La Mercedes, guidata da Wolff e Lewis Hamilton, ha esercitato molta pressione sulla Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA). Dopo la gara di Baku è sceso dalla macchina molto forte e si è lamentato di un mal di schiena insopportabile.

Pertanto, la FIA ha risposto emanando una nuova direttiva, che però non ha ispirato in particolare i rappresentanti della Red Bull. Il capo del team Christian Horner, il consulente per lo sviluppo dei piloti e leader Helmut Marko e lo stesso pilota Max Verstappen in seguito hanno criticato la decisione della FIA.

Con questa modifica, l’International Automotive Federation ha stravolto i regolamenti tecnici, e questo non avviene a metà stagione. Sul nostro sito web, in particolare nella sezione Motorsport, troverai diversi articoli su questo argomento che discutono più dettagliatamente le decisioni della FIA e le propositi.

Ognuno ha aggiunto la propria alla nuova direttiva emanata dalla FIA prima del Gran Premio del Canada, che era quella di risolvere i problemi legati alla focena. Marko Mercedes, ad esempio, è stato accusato di puro gioco politico e ha affermato che il problema alla schiena di Hamilton non era un problema serio.

Sabato, l’amministratore delegato e presidente della F1 Stefano Domenicali ha tenuto un incontro con i direttori dei team a Montreal, durante il quale c’è stato uno scontro tra i boss a seguito della nuova direttiva tecnica della FIA. Inoltre, Netflix filma tutto.

“I tentativi dei team leader di manipolare ciò che si dice per mantenere un vantaggio competitivo e i tentativi di giocare il gioco politico mentre la FIA cerca di trovare una soluzione rapida per aiutare le case automobilistiche sono fasulli. Ed è quello che sto dicendo. “ Wolff ha spiegato in un’intervista con sport motoristici.

“Non parlo solo della Mercedes. Tutte le auto a Baku hanno sofferto in un modo o nell’altro e continuano a soffrire qui. Le auto sono troppo rigide e rimbalzano o qualcosa del genere. Ovviamente la gente mi chiederà se il mio atteggiamento è sincero o no. Ecco perché ho detto di no, è solo un problema nostro”. continua.

“Era la nostra unica preoccupazione in quel momento. Dopotutto, era un rischio per la sicurezza. È molto triste manipolare in background, sussurrare o istruire il pilota”. Ha aggiunto.

Ha anche notato che un certo numero di altri piloti si sono lamentati di vari problemi, che si tratti di Carlos Sainz, Esteban Ocon, Kevin Magnussen o Daniel Ricciardo.

Secondo lui, il problema dei delfini non si risolve alzando il monoposto o modificando l’altezza da terra. Si dice che ciò non modifichi la rigidità delle naturali proprietà aerodinamiche, causata dal ritorno dell’effetto suolo alla Formula 1.

Horner in seguito suggerì a Wolff che il problema non era con le regole, ma il loro problema con la focena di più con la concept car. E tocca al designer tedesco riordinarsi o spazzarsi davanti alla propria porta.

Il boss della Red Bull ha poi affermato che l’intero briefing era un grande teatro. Netflix avrà materiale molto interessante per la sua quinta riga. Ad Horner si sono però aggiunti anche Otmar Szafnauer (Alpine) e Mattia Binotto (Ferrari), che hanno anche criticato le azioni della Mercedes.

Anche altre squadre sono arrabbiate per i tempi del nuovo atterraggio. La FIA non solo è intervenuta nelle regole a metà stagione, ma ha pubblicato questa direttiva solo quando la squadra si era già recata a Montreal.

In conclusione, Horner ha aggiunto che la decisione dovrebbe essere un processo chiaramente definito e iniziare gradualmente ad affrontare la situazione con il porpoising. Secondo molti esperti, un cambiamento così improvviso era inaccettabile, anche se non danneggerebbe in alcun modo la Red Bull.

Risorsa: F1, sport motoristici

Carlita Monaldo

"Appassionato di caffè. Pensatore impenitente. Appassionato pioniere degli zombi. Difensore televisivo sottilmente affascinante. Orgoglioso esperto di web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.