Cos’è Bridge, il gioco di carte a cui Mauricio Macri ha chiesto il permesso di giocare in Italia

Da allora in molti si sono interrogati su questo antico e tradizionale gioco di carte, che ebbe origine in Europa nei secoli XV e XVI. Qual è l’hobby dell’ex presidente?

cos’è un ponte?

Questo è un vecchio gioco di carte in cui vengono utilizzati mazzi di tipo inglese, che consistono nel vincere o collezionare prese (4 carte che ogni giocatore ha servito dal proprio mazzo, per turno di gioco).

Quattro persone prendono parte al gioco e gareggiano in coppia, cioè due coppie opposte. Di solito ogni giocatore si siede al tavolo sul lato opposto del suo partner.

Elementi come la capacità di ragionare, pianificare e memorizzare, e la psicologia e il coraggio sono combinati. Si gioca con un mazzo standard di 52 carte, divise in 4 semi e classificate indicando la gerarchia.

Queste impostazioni, dal grado più alto a quello più basso: picche, cuori, quadri e fiori. In quest’ordine, le due impostazioni con il punteggio più alto sono chiamate “impostazione principale” e l’impostazione con il punteggio più basso, “impostazione minore”.

In ogni seme ci sono 13 carte, e queste a loro volta sono classificate dal più alto al più basso (Asso, Re, Donna, Jack, dieci, nove, otto, sette, sei, cinque, quattro, tre, due). Le cinque carte più potenti di ogni seme sono chiamate “miele”.

carta ponte 1.jpg

Origine del ponte

Questo gioco di carte ha le sue origini nel suo predecessore, Whist, che era un gioco di carte praticato dalle classi superiori d’Europa durante il XV e il XVI secolo, sia nel continente che nelle colonie, dove si è diffuso fino ad oggi.

È stata quindi sviluppata un’ampia varietà di giochi, che è cresciuta in complessità e popolarità. Quadrille in Francia, Vint in Russia e Whist in Inghilterra, tra gli altri, furono i predecessori dell’attuale Bridge.

Tuttavia, i primi riferimenti al gioco risalgono all’inizio del XVI secolo, precisamente al 1526. In un documento di quell’anno viene citato un gioco noto come “Triumphus Hispanicus”, che altro non era che il popolare “arrastrao”. “.

Dopo che i dragoni arrivarono sull’isola della Gran Bretagna, le loro regole e denominazioni furono riadattate e modificate per raggiungere l’attuale gioco del Bridge.

Il nome del ponte, invece, Questo per via del colonnello inglese Studd, che parlava di un gioco molto simile al whist praticato a Costantinopoli e chiamato “biritch”.. Sebbene la famosa lettera del colonnello risalga al 1873, la prima menzione del Bridge come gioco indipendente e con questa denominazione fu fatta al Cairo nel 1886.

Non c’è una chiara connotazione quando si chiama il gioco “bridge” (traduzione spagnola di bridge). La parola Bridge deriva dal termine inglese biritch. In sostanza, non è un caso che il Bridge sia praticato in Inghilterra, Brisca in Spagna, Biritch in Russia, Briscola in Italia o Brich in Turchia..

Forse hanno tutti lo stesso baule ed è stata l’immaginazione di giocatori di tutto il mondo ad aver dato maggiore o minore complessità alle combinazioni di carte.

Ponte oggi È praticato in tutto il mondo, negli oltre 125 paesi che hanno Federazioni Nazionali di Bridge, o entità simili, che le governano. Migliaia di club esistono in tutto il pianeta, di cui più di 900.000 persone hanno licenze federate per competere in eventi locali, nazionali e internazionali tenuti nei cinque continenti.

ponte 3.png

Regole di base del ponte

  • Le due squadre sono anche chiamate “coppie”.
  • In coppia, chi gioca la mano è il “dichiarante” perché quella persona ha dichiarato un “seme di briscola” o ha fatto giocare la mano senza seme di briscola, che è chiamato “nessuna briscola”.
  • Il giocatore a sinistra dichiara di fare un “attacco iniziale” dopo che l'”asta” ha avuto luogo, e quindi il partner dichiarante chiamato “morto” mette tutte le sue carte scoperte sul tavolo.
  • Gli altri due giocatori sono difensori di quella mano. Questi termini sono solo alcune delle cose che imparerai man mano che imparerai Bridge.

Bridge, sport o solo gioco?

Nel 1960 si tennero le prime Olimpiadi del Bridge, in coincidenza con le Olimpiadi dello sport. In questo modo, il Ponte è passato dall’intrattenimento sociale al gioco competitivo e hanno iniziato a formarsi varie Organizzazioni Internazionali e Leghe Nazionali che coordinavano le attività e le organizzazioni di competizioni e campionati. Da gioco sociale, è diventata una pratica intellettuale popolare.

Il dibattito è in corso in tutto il mondo da decenni sul fatto che questo gioco di carte sia uno sport o meno. Ci sono buone ragioni per affermarlo, dato che è stato ratificato dal Comitato Olimpico Internazionale (CIO) nel 1999.

In Argentina è uno sport federativo, sotto l’organizzazione dell’Associazione Argentine Bridge (ABA), che diffonde la disciplina e svolge ogni tipo di attività, con tornei e squadre nazionali che gareggiano a livello regionale e mondiale. ABA si trova in 1145 Lavalle Street, nella città di Buenos Aires.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.