Cercasi (disperatamente) Presidente per l’Italia

  • A un mese dalla fine del mandato di Sergio Mattarella, non c’è ancora una chiara idea di chi possa sostituirlo

  • La nomina è importante per la stabilità politica del Paese e per le riforme richieste dall’Ue

questo venerdì Sergio Mattarella programmato per tenere il suo discorso finale come Presidente dalla Repubblica Italia davanti alle persone. Il suo mandato, iniziato nel 2015, scade a febbraio, e il capo dello Stato di otto anni, veterano democristiano con il fratello ucciso dalla mafia siciliana, ha più volte affermato di non essere interessato alla rielezione. La “patata bollente” cadrà nelle mani Parlamentol’organo che in Italia elegge il presidente, e che è atteso tra circa tre settimane – una data precisa da fissare la prossima settimana – comincerà a votare sul suo successore.

Tuttavia, la certezza più o meno finisce qui. Perché, nonostante la corsa all’elezione del nuovo presidente sia iniziata da qualche mese e i giornali italiani abbiano versato un mare di inchiostro su questo tema, candidato con una maggiore probabilità di occupare la posizione di Mattarella. Come sintetizzato giovedì dal quotidiano romano Manifesto: la discussione è “a un punto morto”. È “un inseparabile intreccio per il momento”, hanno commentato i vescovi italiani dalle pagine dei loro giornali. Sembra che i partiti cerchino il candidato “Frankenstein”, con richiesta opposta , a giudizio dell’avvocato e giornalista Giulia Merlo.

In effetti, si è parlato molto (anche se mai confermato dagli interessati) della candidatura Mario DraghiL’attuale Primo Ministro italiano, ha espresso preoccupazione per la stabilità del flusso Governo e che quanto promesso per l’attuazione delle riforme richieste dall’art Unione europea (UNIONE EUROPEA). Mentre il nome che sta anche mostrando Silvio Berlusconi ha suscitato le proteste di chi ricorda che i vecchi politici incarnano la parte peggiore dell’Italia da quando sono entrati in politica nel 1994, scandali di corruzione, ragazze oggettivate ed esplosioni con Bruxelles. Allo stesso modo, nessuna candidata donna proposta sembra, a questo punto, raccogliere la maggioranza politica necessaria per conquistare la posizione.

Arbitro dall’Italia

Notizie correlate

Il motivo della confusione è che, nella politica italiana, il Presidente della Repubblica è una sorta di arbitro. Non è responsabile dell’amministrazione quotidiana dello Stato, ma la Costituzione lo prevede grande potere quando, per esempio, c’è crisi politicaperché era lui il responsabile della convocazione elezioni, sciolse il Parlamento e nominò un nuovo governo. Inoltre, assicura che quanto approvato dall’Esecutivo non sia incostituzionale e, senza la sua firma, la legge non sarebbe diventata tale. Pertanto, i partiti tendono a privilegiare un presidente di consenso, il che, in una parolaccia, significa che le persone prestigiose sono solitamente ricercate, ma che sono meno invadenti, rispettano l’equilibrio di tutti gli interessi in gioco e, allo stesso tempo, possono guidare il nave quando non ha un timone.

Mattarella ne è un esempio vivente. Giudici costituzionali, leader onorevoli e saggi, vecchi politici prendono saldamente il controllo del Paese ogni volta che un ciclo di guerre di potere politico porta alla caduta di un governo (un totale di cinque governi si sono sostituiti durante i suoi sette anni in carica). L’ultima volta è stata meno di un anno fa, quando Mattarella ha insistito per proporre Draghi come presidente del Consiglio. Anche se non stringe la mano quando prende decisioni difficili, come nel 2018, è stato bocciato da ministro dell’Economia Paolo Savonaun economista euroscettico vicino alla Lega di Matteo Salvini.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.