Bojan Krkic dovrebbe essere una leggenda del Barcellona, ​​a 31 anni non brilla nemmeno in Giappone con Iniesta. Cosa ha in mente per il futuro?

Bojan Krkič è il talento di una generazione. Ci si aspettava che diventasse una star del Barcellona e rotolasse al fianco di Lionel Messi. Sfortunatamente, non è mai stato all’altezza del suo talento. Ora non brilla nemmeno in Giappone. Tuttavia, era chiaro nei suoi piani.

Bojan Krkic sarà una star del Barcellona

Originario del catalano con radici serbe, ha frequentato forse la migliore accademia del mondo. È cresciuto nella famosa La Masia. È diventato un giocatore del Barcellona all’età di nove anni, è entrato nella squadra A solo poco dopo aver festeggiato il suo 17esimo compleanno, ovvero nella stagione 2007/08.

Nella sua prima stagione sotto la guida dell’allenatore Frank Rijkaard, ha iniziato in 48 partite, durante le quali ha segnato 12 gol in competizione e aggiunto 6 assist. A causa della sua età una buona azione.

Dopodiché, però, è subentrato Pep Guardiola, con Bojan Krkic che non ha più molto spazio. Non ha avuto una stagione migliore della sua prima al Barcellona, ​​sia in termini di minuti giocati che in termini di gol e assist.

Ha lasciato il club prima della stagione 2010/11, dopodiché non ha mai più giocato per il Barcellona. Ha giocato 163 partite con la sua maglia, segnando 41 gol e aggiungendo 19 assist.

Krkic non trovò la felicità in Italia, la sua seconda casa divenne l’Inghilterra

Dopo aver lasciato il Barcellona, ​​Bojan Krkic ha giocato per due club italiani. Ha provato in primis la maglia dell’AS Roma, ma non è entrato nella formazione base. Lo ha poi portato nel Milan per ospitarlo, ma lì non ha fatto molto meglio.

Ha trascorso la stagione 2012/13 in Eredivisia, Olanda, dove ha difeso i colori dell’Ajax Amsterdam, ma sfortunatamente non è riuscito a trovare il suo posto neanche qui. In totale, ha giocato 96 partite per tutte e tre le squadre nominate con un saldo di 15 gol e 10 assist.

Dal 2014 al 2019, l’Inghilterra è diventata la sua seconda casa, dove è stato portato a Stoke City. Cerca di attirare giocatori che non riescono a realizzare il loro potenziale. Oltre a Krkic, la squadra include Ibrahim Afellay. A un certo punto, nessuno nei quadri aveva più vincitori della Champions League dello Stoke.

I discendenti del Barcellona sono vincolati da problemi di salute e forma instabile. Sfortunatamente, sta gradualmente svanendo anche nel Regno Unito. Tuttavia, ha sviluppato un buon rapporto con i fan. Sebbene il futuro di Krkic sia terminato allo Stoke nel 2019, ha già fatto due apparizioni come ospite, in particolare in Bundesliga Mainz e nell’Alaves, squadra della Premier League spagnola.

Ha anche provato un secondo campionato inglese per lo Stoke. Ha giocato un totale di 85 duelli per il club, segnando 15 gol e aggiungendo 3 assist.

Il Canada non è ancora uscito, Krkič cerca la felicità in Giappone

L’anno 2019 è stato segnato dal trasferimento alla MLS all’estero, Bojan Krkic ha firmato un contratto con Montreal. Qui è diventato più o meno un giocatore da base, ha trascorso due stagioni al club, ma la stessa storia si è ripetuta. In 31 partite segnare 7 gol e fare 4 assist? Ci si aspetta poco di più dai calciatori europei negli Stati Uniti, anche se questo non è un numero tragico.

Nel 2021 il contratto del grande talento è scaduto, ha trascorso nove mesi da free agent e alla fine è stato tentato di prenderlo dal Vissel Kobe, squadra giapponese, dove Bojan ha dovuto brillare insieme al suo ex compagno di squadra e leggenda del Barcellona Andrés Iniesta.

E lui? Purtroppo è afflitto dagli infortuni e deve ancora trovare la forma, ora sta trascorrendo la sua seconda stagione al club, è balzato a 13 partite, ha giocato solo quattro volte nella formazione titolare, ha segnato un goal.

Come lui stesso ha detto, la partita in Giappone è molto intensa, secondo lui questa non è certo una competizione facile che è facile vincere.

Bojan Krkič è chiaro sulla sua vita dopo la carriera, non si pente di nulla

Bojan ora ha 31 anni, poteva e doveva essere al culmine della sua carriera, ma è successo il contrario. Lui stesso si sentiva giovane. Ad esempio, non sottovaluterebbe un’offerta della Francia, che è l’unico nei primi cinque campionati in cui non ha giocato. Anche Crvena Zvezda Belgrado può essere in gioco, dopotutto, suo padre è originario di Belgrado.

È più chiaro sul suo futuro dopo la sua carriera. “Ho imparato molto durante il college come direttore sportivo. Preferisco questa posizione prima dell’allenamento. L’allenatore deve guidare i 25 giocatori, mentre il direttore sportivo in realtà costruisce la squadra. Amo l’idea di trovare nuovi talenti e di concentrarmi sul lato umano del gioco”. Krkic ha detto in una recente intervista con Sky Sport.

E un calciatore catalano con radici serbe si pentirà di qualcosa? In cui si: “Potrebbe andare meglio, ma si potrebbe dire di tutto nella vita. Potrebbe andare peggio. Sono completamente soddisfatto della mia carriera, l’ho sempre considerato un privilegio tutto quello che ho avuto l’opportunità di vivere e quello che ho passato. “

Fonte: Barcellona, ​​Transfermark, Sky Sport

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."