Benzema non ha convertito due rigori, ma il Real Madrid ha vinto bene. Gli servono solo 4 punti per il titolo

Il Real Madrid affronterà l’Osasuna mercoledì sera e lo stadio El Sadar è sempre molto difficile da giocare. Tuttavia, la capolista è arrivata a Pamplona e ha vinto 3:1, e anche Karim Benzema ha tirato due rigori. Quindi l’ultimo passaggio rimane per il titolo.

I Blancos hanno alle spalle un programma difficile, la scorsa settimana hanno dovuto gestire 120 minuti con il Chelsea in Champions League, nel fine settimana hanno giocato un duello con il Siviglia all’ultimo minuto.

Ancelotti ha predetto tanto la formazione, ad esempio Luka Modri ​​e Casemiro non si sono recati affatto a Pamplona, ​​in panchina sono rimasti solo Toni Kroos, Vinícius Junior o Dani Carvajal.

L’inizio della partita è stato un po’ caloroso al servizio degli ospiti, che però hanno comunque segnato il primo gol. Dopo un segnale di allenamento, Ceballos ha trovato Benzem sul secondo palo, che ha restituito ad Alab, che ha portato la palla in rete più di una volta.

Tuttavia, Osasuna non voleva essere imbarazzato. Tuttavia, dal 20 ‘, il Real ha preso il testimone e ha creato un’opportunità promettente dopo l’altra. Al 45’ tutto è testa a testa, quando Camavinga trova Ceballos con un bellissimo calcio d’angolo, il tiro di Herrera in scivolata di poco passato Asensio e ha ragione.

Il Real Madrid avrebbe potuto seppellire la partita nel secondo tempo, ma Karim Benzema ha buttato via questa opportunità. Al 52′ cala il rigore, al 59′ ha occasione di migliorare. Tuttavia, il suo calcio di rigore è stato calciato nello stesso punto, nell’angolo in basso a sinistra, dove è stato nuovamente posizionato Herrera.

Ma il Real non ha deciso molto, ha continuato a creare occasioni, soprattutto in contropiede. Vinícius è entrato in campo per 90 minuti. In un primo momento, con la sua velocità a riposo, è scappato separatamente, ma ha fallito. Qualche istante dopo, in una situazione 1in1, ha nuovamente affrontato lo stopper, questa volta passando la palla a Vazquéz, che si è trasformato ed è passato alla finale 3:1.

Le Merengues hanno così aumentato il loro vantaggio in vetta alla classifica sull’Atlétic a 17 punti, terzo Barcellona a perdere 18 punti e due partite per sempre. Ci sono ancora 15 punti per il Real Madrid in quella partita, e per assicurarsi lo scudetto gli basta ottenerne 4.

Se vinceranno il prossimo duello con l’Espanyol, gli basterà per guadagnare un punto nel derby con l’Atlétic. Ma se il Barcellona perde giovedì sera contro la Real Sociedad o nel fine settimana contro Ray, basterà Los Blancos per vincere il titolo con l’Espanyol.

Fonte: Real Madrid, Liga

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.