Balotelli come slancio per l’attacco italiano? Dopo tre anni, è tornato in nazionale

Chi non lo ricorderà. L’attaccante freak Mario Balotelli torna in nazionale italiana. È arrivato l’ultima volta in Azzurri più di tre anni fa, a settembre 2018.

Secondo i media italiani, a fine gennaio Roberto Mancini chiamerà 35 giocatori per una selezione più ampia per un importante incontro di qualificazione con la Macedonia del Nord per i prossimi Mondiali in Qatar. Tra i convocati Mario Balotelli, 31 anni.

Balotelli è diventato una sensazione virale durante il campionato di EURO 2012 grazie alla sua fantastica esultanza del gol. “Non celebro gli obiettivi, faccio il mio lavoro. Hai mai visto un postino festeggiare quando consegna una lettera?” ha espresso il suo comportamento iconico in quel momento.

Recentemente, ha attirato l’attenzione su di sé principalmente per il suo comportamento impulsivo. A dicembre, ad esempio, ha scioccato i suoi compagni di squadra quando gli ha dato un calcio in testa mentre festeggiava un gol. In estate, ha nuovamente sfogato la sua frustrazione per le sostituzioni e ha preso a pugni i suoi compagni di squadra.

Nonostante la sua natura esplosiva, rimane un attaccante di qualità. L’ex giocatore di Manchester City, Liverpool o AC Milan sta attualmente lavorando alla squadra turca dell’Adana Demirspor, dove si dice sia calmo e abbia segnato 9 gol in 21 partite. In divisa della nazionale, ha segnato 14 gol in 36 partite ed è diventato il secondo giocatore attivo dietro al Cir Immobil in termini di gol.

Tuttavia, Immobile aveva bisogno di 18 partite per 15 gol. Ha tirato un gol dopo l’altro alla Lazio, ma in maglia nazionale non ha fatto bene. Anche Andrea Belotti, autore di 12 gol in 41 partite, non rientrava nelle idee dell’allenatore. Una tale professione da veterano potrebbe essere il tentativo di Robert Mancini di sollevare l’attacco italiano. A parte questo, Balotelli è uno dei suoi giocatori preferiti, giocando sotto la sua ala a Manchester e Inter.

Così si è iscritto Balotelli quando è arrivato al Milan. Il commentatore sportivo non è rimasto dopo la sua prestazione:

TN.cz

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.