Báez fa grandi passi verso la Top 70 di Buenos Aires | Giro dell’ATP

La prima partita della sua carriera all’Argentine Open. Vittoria per Sebastian Baez. L’argentino ha debuttato in difficoltà ma da sogno nel torneo che ha tanto desiderato fin dall’infanzia, battendo la star danese Holger Rune di #NextGenATP 7-6(4), 6-3 in un’ora e 44 minuti di gioco.

Il 21enne mancino ha iniziato la partita con un break dopo aver perso la prima di servizio, ma i padroni di casa hanno rotto sul 2-2 e alzato di 30/40 nella partita successiva al servizio per fare ammenda. E sebbene non sia riuscito a convertire due opportunità di break sul 3-3, ha finito per vincere al tie-break e prendere il set dopo 44 minuti.

“Mi sentivo bene in partita, anche se all’inizio ero più nervoso di lui”, ha detto del duello contro il suo rivale, che lo ha battuto un anno fa a Santiago. “Ma dopo le prime tre partite mi sento meglio e per fortuna posso continuare a quel livello e prendermi la rivincita dopo la sconfitta di un anno fa”.

Nel secondo set è stato lui a non riuscire ad assicurarsi il break (sul 3-3), ma dopo aver vinto con il ritorno sul 4-3, non ha sprecato la sua opzione di servizio per la partita. Il numero 74 del mondo è ora 8-7 in carriera nell’ATP Tour (5-4 a stagione). Il prossimo è Lorenzo Sonego dell’Italia, testa di serie terza e Báez ha un record di 0-1 all’ATP HeadToHead.

In un altro risultato della giornata, lo spagnolo Jaume Munar ha fermato la marcia del giocatore locale Tomás Etcheverry, che aveva superato il turno precedente ma ha perso martedì 6-4, 6-4. Munar sarà rivale della seconda testa di serie Diego Schwartzman per un posto nei quarti di finale del torneo.

Martedì altri tre spagnoli avanzeranno al secondo turno: Pablo Andújar, che ha battuto il locale Juan Ignacio Londero (6-2, 6-4) diventando il prossimo rivale di Juan Martín del Potro o Federico Delbonis; Roberto Carballés Baena, boia Nicolás Jarry del Cile (7-6, 6-2) per incontrare la prima testa di serie Casper Ruud; e Pedro Martínez, attuale rivale dell’italiano Fabio Fognini dopo aver battuto il connazionale cileno Alejandro Tabilo (6-2, 6-4).

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.