Avviso sui diritti italiani per PP dopo aver cresciuto Vox in Castilla y León

Quando è stato annunciato l’ingresso di Vox nel governo di Castilla y León con il PP, il presidente del Partito popolare europeo (PPE) Donald Tusk ha deplorato la “capitolazione” e ha dichiarato di sperare che non diventasse una “tendenza” in Spagna. Intanto il presidente del Senato, Ander Gil, e il deputato della Repubblica Gabriel Rufián hanno confermato che Castilla y León sarà la prima regione europea in cui regnerà l’estrema destra. Tuttavia, in Italia da tempo la presenza dell’estrema destra al governo, sia nazionale che regionale e locale, fa parte della normalità dello Stato.

In Italia, laboratorio politico europeo, Silvio Berlusconi è apparso nel 1994 e quando è entrato al governo lo ha fatto insieme a Lega Nord e Alleanza Nazionale, l’erede del Movimento Sociale Italiano fascista, che aveva finito per portare all’attuale Italia Fratelli. Oggi la coalizione di destra formata dall’alleanza tra Forza Italia, il partito di Berlusconi, la Liga di Matteo Salvini ei Fratelli d’Italia guidata da Giorgia Meloni, governa quattordici delle venti regioni italiane. Tra questi, le locomotive economiche del Paese, come la Lombardia, il Veneto o il Piemonte. Si presentano alle elezioni con un’unica lista di fatto. E non solo: la Lega, partito allineato con Vladimir Putin o che basa la sua crescita elettorale su politiche anti-immigrazione, è una delle sei formazioni che compongono l’Esecutivo dell’ex presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi, con tre ministeri, Economia dello sviluppo , Turismo e Disabilità.

La coalizione con partiti di destra governa gran parte dell’Italia

L’esempio italiano non porta buone notizie per le tradizionali famiglie europee dei diritti. Sebbene fossero necessari per assicurarsi una maggioranza parlamentare, erano una risorsa utile per Berlusconi, il pioniere del populismo. Ma, trascinato da uno scandalo politico e giudiziario, e rifiutandosi di nominare un successore, Cavaliere ha finito per essere elettoriamente depredato dall’estrema destra.

Nelle ultime elezioni nazionali italiane, la Lega, guidata dal giovane Matteo Salvini, ha superato Forza Italia e ha occupato il 17% dei voti. Il partito di Berlusconi si è fermato al 14%, con il quale ha dovuto cedere al partito la guida della coalizione. Negli ultimi anni, l’emorragia è diventata più pronunciata. Un anno dopo le elezioni generali, la Lega ha raddoppiato i suoi risultati e ha ottenuto il 34% dei voti in Europa. Ma, dopo una serie di errori del suo leader, ora è sceso nuovamente nei sondaggi al 17% delle intenzioni di voto. Giorgia Meloni, che ha bevuto dal postfascismo ed è riuscita a conquistare il più classico elettorato conservatore, ne è stata la principale beneficiaria e oggi il suo partito è secondo alle urne dietro ai socialdemocratici, tre punti di vantaggio su Salvini. Meloni, il ministro di Berlusconi, va in voga esaltando la patria, difendendo le famiglie tradizionali o combattendo l’immigrazione. Era un alleato naturale di Vox in Spagna e guidava i partiti conservatori e riformisti europei. Era anche l’unico contro Draghi.

Se ci fossero oggi le elezioni politiche in Italia, i tre partiti di destra vincerebbero con il 46% dei voti. Ma i diritti liberali di Berlusconi arriverebbero al terzo posto, con appena l’8,5%. L’avvertimento è chiaro: lo slancio di una nuova generazione di destra ha condannato Forza Italia a essere irrilevante.


Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.