Attacco russo distrugge tre centrali elettriche a Leopoli, nell’Ucraina occidentale – rts.ch

Nella regione di confine con il Donbass, nell’Ucraina orientale, i riflettori sono ora accesi. Gli abitanti, ancora sul posto, dovettero fare i conti con il lento sviluppo delle truppe russe nelle loro terre. Anche le truppe in superiorità numerica esercitarono pressioni sul fronte meridionale.

Guerra “fulminea” fallita

Da cinque giorni l’allarme non è quasi mai cessato nella cittadina di Nikopol, che si trova a pochi chilometri da Mariupol. Evgueni Yevtuchenko era un chirurgo prima della guerra, ora è il capo dell’amministrazione militare di questa città di 100.000 abitanti.

Sotto l’enorme barba e l’uniforme militare, Evgueni era preoccupato. “La Russia non ha ottenuto la guerra lampo che speravano. Quindi sono andati al piano B. Vale a dire, distruggere tutto: città e infrastrutture. Questa è una situazione che potrebbe andare avanti per anni”, ha spiegato martedì al microfono di Maurine Mercier , corrispondente speciale di RTS.Evgueni Yevtuchenko, capo dell’amministrazione militare della città di Nikopol. [Maurine Mercier – RTS]

centrale nucleare occupata

Appena oltre il fiume, l’esercito russo conquistò il territorio e la più grande centrale nucleare d’Europa, che si trovava nella città di Enerhodar. “I russi si sono stabiliti lì per 4 chilometri, stiamo pattugliando giorno e notte per impedire loro di attraversare il fiume e sbarcare”, ha continuato il soldato.

Evgueni è preoccupato per la sua città, per il suo paese, ma soprattutto per la sua famiglia. Era impossibile far uscire i suoi tre figli da Nikopol. Perché, come molti ucraini, il padre di famiglia non aveva i mezzi finanziari per permettere loro di sopravvivere all’estero.

>> Ascolta il report di Tout un Monde:

Ucraina: rapporto in prima linea / Tutti / 8 min. / ieri alle 08:16

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."