Attacco russo all’Ucraina: politica migratoria globale | Opinione

Oltre alla morte e alla distruzione, la guerra di aggressione in Ucraina ha portato milioni di persone a lasciare il Paese e raggiungere l’Unione Europea, principalmente attraverso i confini di Polonia, Slovacchia, Ungheria e Romania. Poiché gli uomini non possono lasciare l’Ucraina, la maggior parte dei rifugiati sono donne e bambini. La reazione di solidarietà espressa in tutti i Paesi europei ha certamente riconciliato l’Ue con se stessa dopo la mancata gestione della crisi dei profughi del 2015. In quell’occasione, l’umiliante rifiuto di alcuni Paesi di destinare le quote fissate per gli oltre due milioni di sfollati che attraversano le frontiere europee , si è aggiunto alla firma da parte dell’Unione Europea del suo vergognoso accordo con la Turchia di esternalizzare il controllo dei flussi migratori oltre i nostri confini.

Fortunatamente, ora l’Europa è in grado di gestire una risposta diversa ed essere più adattata ai suoi valori. Probabilmente non ha nulla a che fare con questa reazione rendersi conto che l’aggressione contro l’Ucraina è, di fatto, un modo per minare la sicurezza e la stabilità dell’Europa e del mondo. Questa prospettiva giustifica una serie di misure adottate, tra cui l’attivazione, per la prima volta, dei meccanismi di protezione provvisoria di cui alla Direttiva 2001/55, del 20 luglio, per i casi di grande afflusso di rifugiati. Il numero dei rifugiati ha già superato i quattro milioni e continuerà a crescere. Questo processo è perfettamente descritto come un presupposto richiesto dalla legge (“massiccio afflusso di sfollati”) per attivare formule agili di protezione temporanea. L’obiettivo è ridurre drasticamente le procedure burocratiche per tutti i cittadini ucraini, rifugiati o residenti che hanno lasciato il Paese dal 24 febbraio. Si tratta di una formula di protezione valida un anno che garantisce a tutti un insieme di diritti armonizzati negli Stati membri dell’Unione ed esonera i richiedenti dall’utilizzo di formule di asilo più complesse.

Nel complesso, una risposta corretta alla tragedia umanitaria causata da una guerra come la nostra non libera l’Unione europea a portare avanti una configurazione delle politiche di immigrazione e asilo più ambiziosa di quella attuale. È difficile negare la mancanza di un modello le cui conseguenze gravano pesantemente su paesi come Spagna, Italia, Grecia o Malta, i cui confini sono anche le frontiere esterne dell’Unione e di solito sopportano forti pressioni migratorie. Documento nominato dalla Commissione Europea nel settembre 2020 con il titolo Nuovo patto per migrazione e asilo Conteneva le basi di un nuovo quadro giuridico su questo tema, ma la forte opposizione di diversi Stati e del Parlamento europeo ne ha impedito l’approvazione. Il massiccio afflusso di sfollati ora lasciato indietro dalla crisi in Ucraina e il sostegno dei cittadini europei alla loro accettazione possono essere l’incentivo di cui le istituzioni europee hanno bisogno per sollevare nuovamente la questione e fare dell’immigrazione e dell’asilo una priorità nell’agenda politica dell’Unione.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."