“Ancora nessuna condizione per un cessate il fuoco in Ucraina”

Il premier italiano Mario Draghi parla con il presidente russo Vladimir Putin. (foto AFP)

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto al primo ministro italiano Mario Draghi che “le condizioni non sono mature” per un cessate il fuoco in Ucraina, cinque settimane dopo l’inizio dell’invasione russa, secondo il capo del governo italiano.

In un incontro a Roma con corrispondenti accreditati dei media esteri, Presidente del Consiglio Draghi ha riferito che questo mercoledì ha sollevato con Putin durante la telefonata l’idea di “parlare di pace” infine dopo i progressi nei colloqui tra Russia e Ucraina.

In questo quadro, il presidente russo ha affermato che attualmente “le condizioni non sono ancora mature per un cessate il fuoco”, ha affermato Draghi.

Nei suoi dialoghi con i media di tutto il mondo, tra cui Télam, Draghi ha anche difeso le sanzioni economiche contro la Russia e ha avvertito che “la pace si raggiunge se l’Ucraina si difende”sostiene implicitamente la fornitura di armi dall’Occidente a Kiev.

Il primo ministro italiano Mario Draghi parla con il presidente russo Vladimir Putin Foto AFP
Il premier italiano Mario Draghi parla con il presidente russo Vladimir Putin. (foto AFP)

Dopo il suo primo colloquio telefonico con Putin dall’inizio della guerra, Draghi ha aggiunto oggi che “all’Italia è stato chiesto come garante da Russia e Ucraina di agire sull’eventuale clausola negoziale” se i colloqui di pace fossero andati a buon fine.

“Potrebbero esserci e penso ci saranno garanzie che forniranno le condizioni per i negoziati, vale a dire la pace, il tipo di neutralità che l’Ucraina deve controllare, lo stato della regione del Donbass e le leggi che lo confermano”, ha aggiunto.

“Di fatto, Le posizioni delle due parti si sono un po’ avvicinate, ma io sono cauto perché c’è ancora molto scetticismo”. Draghi pone.

Il premier italiano ha però evidenziato la creazione nelle ultime ore di un corridoio umanitario a Mariupol per evacuare i civili intrappolati nella città dell’Ucraina sudorientale assediata dall’esercito russo.

Draghi lo ha ulteriormente aggiunto Putin ha sottolineato che le società europee con contratti in corso continueranno a pagare il gas russo in “euro o dollari” e non in rublianche se i media europei hanno riferito pochi istanti dopo che Mosca avrebbe iniziato a richiedere pagamenti nella sua valuta nazionale ai “paesi nemici” domani.

“Putin ha sottolineato che si trattava di una concessione solo alle società europee”, ha detto Draghi, in una parte di una conversazione di 40 minuti che ha avuto con il presidente russo.

Inoltre, secondo Draghi, le esportazioni di gas della Russia verso l’Europa “non sono in pericolo”, anche se diversi paesi del continente hanno avviato colloqui per cercare di ridurre la loro dipendenza dal greggio proveniente da Mosca.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.