Ancelotti: potrei finire dopo il Real, ma se mi volessero per altri 10 anni… raramente sono così felice che Perez mi abbia fatto rivivere

Carlo Ancelotti è uno degli allenatori di maggior successo nella storia del calcio, essendo l’unico allenatore a vincere titoli in tutti i primi 5 campionati. Tuttavia, anche il suo periodo da allenatore sta volgendo al termine e dopo il suo impegno al Real Madrid non andrà da nessuna parte.

Ancelotti è allenatore da più di 20 anni. E sabato ha fatto la storia quando, grazie a un titolo al Real Madrid, è diventato il primo allenatore a dominare tutti i primi 5 campionati. Insieme a Bob Paisley e Zinedin Zidan, è l’unico allenatore con tre titoli di Champions League.

Tuttavia, l’allenatore 62enne si sta lentamente ritirando da allenatore. Tuttavia, se era ancora richiesto, non aveva intenzione di andare da solo.

“Dopo questa tappa al Real Madrid, molto probabilmente lascerò. Ma se il Real Madrid vuole che io rimanga qui per altri 10 anni, sarò qui per altri 10 anni”. ha detto un allenatore italiano in un’intervista a Prime Sport.

Non ha negato il suo amore per il Royal Club. Nelle interviste gli è stato detto che le due squadre che sono cresciute nel suo cuore sono state Milan e Real Madrid. Il White Ballet ha preso il comando nelle stagioni 2013/14 e 2014/15 e ha vinto l’ambito “La Déci” di Madrid, il suo decimo trofeo in Champions League.

Non ha esitato un attimo quando è squillato il telefono del presidente Florentino Pérez per tornare al Santiago Bernabéu prima dell’inizio della stagione.

“Raramente sono stato così felice nella mia carriera da allenatore come lo sono adesso. Una chiamata di Florentin Pérez mi ha riportato in vita e ora mi sto godendo appieno la cosa a Madrid”. uno stratega esperto ha espresso il suo entusiasmo.

E le sue parole confermano il fatto. Per festeggiare lo scudetto balla con i giovani brasiliani, poi si accende il sigaro vincente o scherza con Benzema. I festeggiamenti al Campo Cibeles hanno sottolineato la grande atmosfera nella cabina del Real e il rapporto della squadra con i giocatori.

I festeggiamenti giocheranno un ruolo importante nelle semifinali di Champions League di mercoledì. Il club inizialmente non voleva festeggiare lo scudetto prima di un duello così importante, ma Ancelotti ha dato il via libera ai festeggiamenti in piazza.

Per lui, felicità, gioia e festa sono i modi migliori per creare l’atmosfera giusta per il turno di mercoledì. Allo stesso tempo, voleva avvicinare i giocatori ai fan, cosa che ha fatto.

Lui stesso ha preso il microfono durante la celebrazione e ha strappato Cibeles con i canti dei fan. E poi ha aggiunto: “Madrid Hall! Allo specchio! “ spingendo così i fan a cambiare mercoledì.

Un gol, lo scudetto ha incontrato Ancelotti. Riuscirà a raggiungere il secondo gol e vincere la Champions League? Sarà la prima volta dalla stagione 2016/17 che il Real Madrid vince questi due preziosi titoli.

Fonte: Marchio, Twitter, video principale

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.