Agenzia spaziale europea: parla di SpaceX di Elon Musk come sostituto dei razzi russi – Panorama – Society

L’Agenzia spaziale europea (ESA) sta valutando la possibilità di lavorare con la società SpaceX del boss di Tesla Elon Musk come sostituto temporaneo del razzo russo Soyuz. “Ci sono due alternative e mezzo”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters il direttore generale dell’ESA Josef Aschbacher.

[Wenn Sie aktuelle Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Questa è SpaceX e una collaborazione con il Giappone o forse l’India. SpaceX è sicuramente un’opzione. Ci sono colloqui con la rivale statunitense di European Arianespace, che è ancora in fase esplorativa.

Di particolare importanza è la compatibilità tecnica con le apparecchiature ESA esistenti. Questo dovrebbe essere accuratamente verificato prima che l’organizzazione richieda un’offerta commerciale vincolante.

“Non è come prendere un autobus”, ha affermato Aschbacher, aggiungendo che le soluzioni tecniche dell’azienda statunitense sembravano più praticabili delle soluzioni di India e Giappone a questo proposito. Tuttavia, la decisione finale dipende anche dal calendario ancora poco chiaro per il rinvio del primo lancio del razzo europeo Ariane 6.

Leggi anche Tagesspiegel Plus:

SpaceX non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento da Reuters. Finora, l’azienda ha attirato nuovi clienti con i suoi razzi Falcon 9 dopo che molte aziende hanno voltato le spalle alla Russia come partner d’affari dopo la guerra in Ucraina, tra cui la società britannica di Internet satellitare OneWeb e il fornitore di apparecchiature spaziali statunitensi Northrop Grumman.

Tuttavia, l’Europa attualmente non è in grado di lanciare satelliti per il sistema di navigazione Galileo, ad esempio, perché non è ancora possibile lanciare satelliti finanziati con fondi pubblici su razzi commerciali americani. Dopotutto, il razzo Soyuz è partito con un carico europeo dallo spazioporto europeo della Guyana francese in Sud America.

La guerra in Ucraina è un “campanello d’allarme”

Finora l’Europa si è affidata ai razzi italiani Vega per piccoli carichi, alla russa Soyuz per carichi medi e all’Europa Ariane 5 per carichi pesanti. Il Vega C di nuova generazione è stato presentato in anteprima il mese scorso, ma il nuovo Ariane 6 è stato ritardato fino al prossimo anno e il Soyuz è stato cancellato a causa della guerra in Ucraina.

Un programma più dettagliato per Ariane 6 sarà disponibile a ottobre. Solo allora l’ESA presenterà un piano di backup completo che potrebbe includere i razzi SpaceX. “Ma sì, la possibilità che sia necessaria una partenza sostitutiva è alta”, ha detto Aschbacher. “L’ordine di grandezza è certamente una buona manciata.”

La guerra in Ucraina ha dimostrato che la strategia decennale dell’Europa di cooperazione con la Russia in aree come l’approvvigionamento di gas e i viaggi nello spazio non funziona più. “Questo è un avvertimento che dipendiamo troppo dalla Russia”, ha detto Aschbacher. (Reuters)

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."