A Pilsen è stato emesso LK37. Sarà l’elemento costitutivo principale della “nuova” Sparta?

7 ore fa, 09.05.2022 18:10
Pavel Prochazka
foto: AC Sparta Praga
Colloquio

CONVERSAZIONE

Nella seconda metà di aprile aveva solo ventitré anni, eppure aveva già guidato lo Sparta Praga in battaglia come capitano. Dopotutto, non è solo al Letná che credono che questo bellissimo e militante centrocampista dovrebbe prendere il posto della fascia dopo la squadra di Bořek Dočkal. Mentre il suo nome è Ladislav Krejčí Sr. finendo piano piano allo Sparta, Krejčí Jr., che secondo il numero sulla sua maglia si fa chiamare LK37, dovrebbe essere il suo futuro.

Vedremo che tipo di slancio può fare questo Krejčí per il club di maggior successo della Repubblica Ceca, che però negli ultimi anni ha ristagnato, presto potrà “correre”. Domenica era a Pilsen (0:3). Ladislav Kreji Jr. emesso dopo il secondo cartellino giallo, appartiene a tuttavia, rimane uno dei principali elementi costitutivi del tenente. Ecco perché la rivista HATTRICK gli ha dato spazio nel suo numero di maggio.

Dopotutto, lo ha fatto come rappresentante ceco. Pochi hanno fatto un debutto forte come Ladislav Krejčí Jr. con la divisa nazionale. Giovedì 24 marzo 2022 è arrivato in campo nel sobborgo di Stoccolma di Solna nell’ultimo minuto di gioco base della semifinale chiave del Campionato del Mondo 2022 con la Svezia. E poi ha completato una drammatica estensione di mezz’ora. Non è andata bene, i cechi alla fine hanno segnato un gol e non prenderanno più parte al mondiale in Qatar a fine anno, ma è comunque un’esperienza insostituibile per LK37. Inoltre, Krejčí ha fatto del suo meglio in Svezia, non ha paura dei combattimenti personali, li ha vinti.

Ladislav Krejčí Jr., originario di Rosice nella Moravia meridionale, ha logicamente iniziato la sua carriera a Brno. L’ironia del destino è che ha giocato la sua prima partita di campionato nell’ottobre 2016 contro lo Sparta e ormai aveva già attirato la sua attenzione con una bella prestazione. A poco a poco, un centrocampista acuto, che a volte l’allenatore era solito seguire, è diventato un giocatore chiave allo Zbrojovka Brno.

Nell’estate del 2019, all’età di vent’anni, si trasferisce allo Sparta, dove firma un contratto quadriennale. Nel 2020 è arrivato secondo nel prestigioso sondaggio Talent of the Year, alle spalle dello Slavia e del giocatore della nazionale ceca David Zima, che già sta lavorando in Serie A italiana con l’FC Torino. Uefa L’anno scorso, all’inizio dell’anno, ha addirittura classificato Krejčí come l’unico ceco tra i cinquanta talenti calcistici che, secondo lui, potrebbe brillare nel 2021. Tuttavia, LK37, in quanto rappresentante ceco che ha dimostrato di avere meno di 21 anni, deve ancora raggiungere le nomination per EURO 2020, posticipate lo scorso anno.

Il suo punto debole finora è che a volte il gioco è troppo difficile, per questo ha pescato diversi cartellini gialli. Alcuni esperti sostengono che non dovrebbe perdere il controllo durante il gioco.

Anche la botta di gomito alla testa di Tomáš Solil del Pardubice nel dicembre 2020 è stata ampiamente discussa, dopo di che è stato espulso e ha affrontato quattro partite ufficiali. Il sarto vuole lavorare rimanere un calciatore non negoziabile, ma nel fair play. Ad esempio, si è subito scusato con Sol, cosa che non è così comune nel calcio ceco. Del resto le statistiche di InStat lo collocano sempre nella prima posizione del campionato tra tutti i centrocampisti difensivi, il calciatore alto, che misura 191 centimetri, di solito domina nelle battaglie difensive e aeree,

Ladislav Krejčí II è diventato anche il volto pubblicitario dell’agenzia di scommesse Tipsport insieme allo sciatore Ester Ledecká e al lottatore di MMA Machmud Muradov, e ha rilasciato numerose interviste in giovane età.

HATTRICK Magazine ha selezionato per te i più importanti.

SULLA CANDIDATURA DELLA NAZIONALE

Nel 2009, sono stato accompagnato dalla nazionale con Zbrojovka Brno quando abbiamo vinto uno dei tornei. Ricordo di aver accompagnato in campo Daniel Pudil in quel momento. Ho questa foto postata a casa. Quando sarò accompagnato così, spero che un giorno sarò nel ruolo opposto. È sempre stato il mio grande sogno. Quindi sono molto grato per la nomina di quest’anno alla squadra nazionale.

Si diceva da tempo che potevo essere convocato in Nazionale A. Certo che volevo. E sono così felice che esca questo marzo. Inoltre, l’invito è arrivato al momento giusto quando ero a casa con la famiglia e gli amici. Festeggio con loro, quindi è ancora più forte per me. Sorprendentemente, il mio fratellino ha compiuto tredici anni il giorno della mia candidatura.

SUL MENTOR ROSICKÝ

Ho saputo della nomina per la nazionale “A” dal nostro direttore sportivo spartano Tomáš Rosický. Non ricordo bene le congratulazioni speciali, so solo che la prima era del signor Rosický. All’inizio non sapevo nemmeno con cosa si stesse congratulando con me… Lo consideravo un mio grande mentore, un modello da seguire nel calcio. Ha partecipato al mio arrivo a Sparta ed è stata molto vicina a Letna fin dall’inizio. Sono molto felice, è un’ottima notizia, soprattutto da una persona del genere, Tomáš Rosický stesso lavora come capitano della squadra nazionale.

Dopo di lui mi ha chiamato anche coach Ilhav. Apprezzo davvero di aver imparato in questo modo. Non vedo l’ora di una nuova atmosfera, una nuova squadra e nuove cose.

A proposito di “BRÁCH” SADÍLK

Deve essere stato bello avere compagni di squadra dello Sparta – Adam Hložek e Jakub Pešek – con la nazionale. Ma conosco molte altre persone qui, specialmente da ventuno, dove abbiamo suonato qualcosa insieme.

E il mio “fratello calciatore” Michal Sadílek è in nazionale. Abbiamo giocato l’uno contro l’altro quando lui giocava ancora per lo Slovácko. Ci siamo conosciuti in Nazionale U16 e poi siamo passati insieme a un’altra categoria. Abbiamo la stessa opinione sul calcio, lo “mangiamo” anche noi.

SUL RUOLO DEL CAPITANO IN SPARTA

Finora ho capitanato lo Sparta solo quando il ragazzo che di solito indossa la fascia si infortuna o esce dal campo dalla panchina. Lo accetto così com’è. Certo, è un onore essere il Capitano di Sparta. Sono felice per questo, ma soprattutto, lascia che lo Sparta e io vincamo.

Altrimenti ho notato che si parlava di un possibile capitano spartano. A volte qualcuno me lo chiede anche. Ma la mia opinione rimane la stessa. Sono molto contento che i tifosi del Letna mi vedano positivamente e mi supportino, ma la posizione di capitano si è formata all’interno della squadra. Nessuno sa davvero come funziona nel nostro paese. Abbiamo capitani ben definiti che hanno vissuto qualcosa, hanno molta esperienza. I leader sono definiti dalla cabina e ora sono molto soddisfatto dell’accordo.

SULLE PRESTAZIONI SPARTY

Allo Sparta ci siamo resi conto che eravamo i nostri più grandi rivali. Se possiamo battere noi stessi, allora possiamo battere gli altri a nostro piacimento.

La risposta è sempre la stessa: dobbiamo superare noi stessi prima di poter vedere gli altri.

Puoi leggere altre opinioni di Ladislav Krejčí Jr. nel nuovo numero di maggio della rivista HATTRICK, in commercio da giovedì 5 maggio 2022.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.